Questo post è disponibile anche in: Inglese

Un’altra interessante nuova funzionalità introdutta in vSphere 5.1 è la tecnologia di vSphere Replication (VR). In realtà questa funzione già era stata introdotta nel 2011 con il Site Recovery Manager 5.0 (su vSphere 5.0) per permettere la protezione e replica di VM da un sito ad un altro. La tecnologia di replica agisce a livello VM (ed è quindi storage vendor independent) a differenza della replica a livello di storage array (tipicamente storage vendor depend e di solito più costosa).

La grossa differenza è che ora questa tecnologia è disponibile anche senza SRM a partire dall’edizione Essentials Plus di vSphere 5.1 (ovviamente si può comunque utilizzare anche con SRM). Questo sicuramente è un vantaggio economico non indifferente, visto che non aggiunge costi aggiuntivi!

Lato utente è completamente integrato con il nuovo vSphere Web Client!

Questa mossa sembra una risposta diretta a quella di Microsoft di includere una funzionalità simile nel nuovo Hyper-V3! Ma per certi aspetti rischia di diventare  una mossa che si scontrerà con le soluzioni attualmente esistenti nell’ecosistema.

Da punto di vista tecnico, questa tecnologia non è basata su snapshot a livello di filesystem e non ha impatti diretti nell’esecuzione delle VM: è completamente trasparente a livello VM, a meno di integrare le operazioni di replica con Microsoft Volume Snapshot Service per gestire anche la VM quiescent (e questo ora è possibile sia in VR che in SRM 5.1).

Il funzionamento è del tutto analogo a quello implementato in Site Recovery Manager 5.0, benché ora l’architettura è decisamente più semplice visto che non è più necessaria l’infrastruttura di SRM (probabilmente senza il doppio vCenter Server), benché sia ancora supportata e disponibile. Inoltre le virtual appliance (VA) “VRMS e VRS” di SRM 5.0 sono ora state uniformante in un’unica “VR Appliance”. Rimane sempre il vincolo di una coppia di VA per ogni coppia di siti (con l’interessante supporto anche multi-site, che però è limitato solo a SRM dato che un appliance è associabile SOLO ad un vCenter Server!).

Per come funziona vSphere Replication, agisce solo du VM accese (perché solo in quel caso è possibile applicare un filtro per tracciare i cambiamenti). Per questa ragione non può essere usato in questi casi:

  • VM spente o sospese
  • FT, linked clones, VM templates
  • Le snapshot di VM non sono replicate, ma sono “consolidate” nella destinazione (notare che un’operazione di revert comporta una full re-sync!)
  • Non vmdk disk, come ISO e floppy non possono essere replicati

Vi sono poi alcuni interessanti note da considerare:

  • La replica supporta anche tipi differenti, ad esempio è possibile avere nella sorgente un vmdk in formato thick e nella destinazione uno in formato thin
  • Il minimo Recovery Point Objective (RPO) è di 15 minuti
  • Sono supportate VM in formato virtual hardware 7 o successivo
  • E’ richiesto vCenter Server 5.1 con il nuovo Web Client, ma possono essere usati anche ESXi in versione 5.x!
  • Sono supportati sia lo Storage vMotion che lo Storage DRS, ma con alcune considerazioni ed eccezioni

C’è da evidenziare che in questa soluzione apparentemente semplice, c’è una forte dipendenza da vCenter Server: per poter ripristinare una VM nella parte di DR è necessario disporre di un vCenter Server in loco e prevere su “Recover”. Sicuramente semplice se avete due infastrutture con due vCenter Server. Ma se ne avete solo uno nella sede primaria? In questo caso esiste una procedura (comunque non supportata) descritta in questo post.

Bisogna poi ricordardi anche della seconda dipendenza legata al limite di un singolo pairing tra VA e vCenter Server (sperando che almeno questo limite venga rimosso quanto prima), che sicuramente limita le opzioni in topologie multi-site.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2449 Posts)

Virtualization & Cloud Architect. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert (2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015). PernixPro 2014. Dell TechCenter Rockstar 2014. MVP 2014. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Share