Browsing Posts tagged VUM

La nuova suite VMware vSphere Suite 6.0, annunciata da poco, porta diverse megliorie, novità e cambiamenti, anche se apparentemente somiglia molto alle precedenti versioni (ad esempio nei client grafici). Per quanto riguarda l’installazione le vere e proprie novità stanno nell’installazione del vCenter Server che è cambiata radicalmente, sia come procedura di installazione, ma sia anche come possibilit scenari di deployment. Anche l’installazione di VUM ha qualche modifica sostanziale, ma sicuramente non al livello di quelle del vCenter Server. L’installazione interattiva di ESXi invece è rimasta sostanzialmente la stessa. In questo post si analizzeranno le installazione […]

Dopo aver aggiornato il vCenter Server è possibile passare agli host. L’aggiornamento degli host ESXi può essere completato in diverse modalità: aggiornamento manuale con il CD di installazione di ESXi (selezionando poi la voce upgrade and keep VMFS datastore) aggiornamento manuale tramite CLI aggiornamento automatico tramite vSphere Update Manager (VUM) Esistono poi altre modalità, tutte discusse nella VMware KB 2058352 (Methods for upgrading to ESXi 5.5).

In molti casi (specie in ambienti piccoli) l’installazione di default del VMware vCenter Server e delle sue componenti può andare più che bene. Per quanto riguarda le directory di default, considerando che il disco di default di Windows Server 2008 R2 e  2012 è di 40 GB (almeno in ambienti virtualizzati con VMware) può bastare per memorizzare i file di installazione ed anche l’eventuale database di SQL Express (sempre limitato a 5 host o a 50 VM). A parte l’Upload Manager (VUM) che richiede abbastanza spazio per memorizzare le varie patch degli host. Di solito […]

Uno dei motivi per dover ancora usare il “vecchio” vSphere Client Windows è la necessità di dover usare VMware Update Manager che lavora solo con quel client (manca ancora di una parte compatibile con il nuovo vSphere Web Client). La scocciatura è quella di dover installare il plugin sul proprio client per accedere a queste funzioni. Purtroppo oltre alla scocciatura e al tempo richiesto (mai quanto installare l’intero vSphere Client), possono anche accadere degli imprevisti. Oggi ad esempio l’installazione si è interrotta e mi sono trovato con il plugin non funzionante, con questo messaggio di […]

Dopo aver aggiornato il vCenter Server (come descritto nel post precedente) e la parte relativa a VUM (procedura semplice e non dissimile dalle versioni precedenti), è possibile passare alla parte relativa agli host ESXi. Spesso la scelta più semplice e veloce potrebbe essere una reinstallazione degli host, ma alcune informazioni e configurazioni si andrebbero a perdere (a meno di usare gli Host Profiles). Per maggiori informazioni e considerazione vedere il post upgrading to ESXi 5 vs doing a Fresh Install. Notare che, nel caso servano driver di terze parti non inclusi nella ISO standard, bisognerà […]

VMware ha rilasciato l’update 1 di vSphere 5.0 che include ESXi 5.0 Update 1 e vCenter Center (e relativi moduli) 5.0 Update 1 (indicato come build 639890). Per l’elenco di tutti i problemi risolti e delle relative patch incluse in nell’aggiornamento di ESXi vedere la KB 2010823. Per maggiori informazioni, l’elenco dei problemi noti rimasti, la compatibilità e le nuove funzioni vedere ESXi 5.0 Update 1 Release Notes. Per maggiori informazioni sull’aggiornamento di vCenter Server vedere il vCenter Server 5.0 Update 1 Release Notes. Riguardo alle novità introdotte in ESXi 5.0 Update 1: Support for […]

Durante la fase di aggiornamento a vSphere, vi possono essere due approcci differenti per aggiornare gli host: riferli da capo con una reinstallazione o provare ad aggiornarli. Sul sito di VMware si possono trovare degli approfondimenti su questa scelta. Per comprendere meglio questa scelta è opportuno capire quali sono le differenze tra un host aggiornato ed uno installato da zero con ESXi 5:

Con la nuova versione di VMware vSphere si sono verificati alcuni radicali cambiamenti, con la rimozione di alcuni prodotti e funzioni, ma anche l’introduzione di new entry (per l’elenco completo delle nuove 140 feature di vSphere 5 vedere vSphere 5.0 Features e Duncan’s 50 out of 140 vSphere 5 Features Challenge). Chi esce: il vecchio ESX (o legacy ESX) lascia il posto ad ESXi: La fine di ESX e GSX?! il Converter Enterprise lascia il posto allo Standalone Converter: ma così si perde l’integrazione con vCenter e soprattutto si perde la ISO per effettuale una […]

Come in molti sapranno, ESX/ESXi fornisce numerose informazioni sull’hardware sottostante (tramite CIM) e spesso queste sono più che sufficienti sia per motivi di inventario (ad esempio è possibile leggere il Service Tag di un server) sia di monitoraggio. Ma per alcuni compiti particolari (ad esempio la ricostruzione del RAID dei dischi locali o verificare come sono popolati i banchi di memoria) è necessario utilizzare i tool nativi del vendor di hardware. Nel caso dei server Dell, il tool in questione si chiama OpenManage Server Administrator (OMSA) ed attualmente è giunto alla versione 6.5 ed è […]

Per l’elenco di tutti gli obiettivi vedere la pagina dell’esame VCP5. Objective 5.6 – Patch and Update ESXi and Virtual Machines Vedere anche (in inglese): Objective 5.6 – Patch and Update ESXi and Virtual Machines. Identify patching requirements for ESXi hosts and virtual machine hardware/tools (similar as vSphere 4.x) Come ogni parte software, anche ESXi e le VMware Tools richiedono periodicamente degli aggiornamenti. Le ragioni per tali aggiornamenti sono di varia natura, ma tipicamente i più importanti sono gli aggiornamenti relativi a problemi di sicurezza. Per gli host ESXi applicare una patch richiede che l’host […]

© 2017 © 2013 vInfrastructure Blog | Hosted by Assyrus