Questo post è disponibile anche in: Inglese

La disponibilità del vCenter Server

Progettare in modo corretto la disponibilità del vCenter Server può essere necessario in molti casi, ma può anche divenire critico in ambienti grossi o dove vi sono molti servizi che dipendono da esso. In ambienti piccoli di solito non è in grosso problema e la criticità è relativamente bassa… questo perché molte funzioni possono funzionare senza vCenter Server (per una lista delle dipendenze vedere  vCenter Server: fisico o virtuale?).

Esistono varie soluzioni per incrementare la disponibilità del vCenter Server:

  • Implementare il vCenter Server in virtuale e usare VMware HA.
  • Utilizzare il prodotto di VMware vCenter Server Heartbeat.
  • Utilizzare una soluzione di clustering come MSCS (opzione non più supportata a partire da vSphere 4.x).
  • Utilizzare VMware FT (opzione non supportata).

Per maggiori informazioni vedere: http://kb.vmware.com/kb/1024051 – Supported vCenter Server high availability options. Inoltre è disponibile un post recente (settembre 2012), su Yellow Bricks (Protecting vCenter Server – HA or Heartbeat?).

Per informazioni più specifiche vedere anche:

VMware HA

Per informazioni sulla tecnologia vedere la pagina ufficiale di VMware HA. Ovviamente questa soluzione è utilizzabile solo se il vCenter Server è in una macchina virtuale e se si dispone della licenza di VMware HA!

Bisogna ricordarsi che VMware HA richiede il vCenter Server solo per la fase iniziale di installazione e configurazione; poi lavora sugli host in modo distribuito senza più la dipendenza da vCenter Server. Per questa ragione VMware HA può gestire anche il riavvio della VM del vCenter Server (nel caso di un problema all’host)… con un disservizio totale di solito di pochi minuti.

Quindi per realtà medio/piccole la soluzione VMware HA può essere quella più semplice, valida ed economica (la licenza è inclusa in tutte le edizioni tranne che la Essential). Al fine di mantenere semplice la configurazione è possibile includere nella stessa VM anche il DB necessario al vCenter, altrimenti si rende necessario trovare una soluzione di HA per il DB stesso..

vCenter Server Heartbeat

Questo prodotto non è più disponibile!

Per informazioni sul prodotto vedere il sito ufficiale: http://www.vmware.com/products/vcenter-server-heartbeat/

In questo caso il vCenter Server (primary instance) può essere sia in virtuale che in fisico. La seconda istanza (secondary) invece deve essere in virtuale! Questo prodotto è anche in grado di gestire l’alta disponibilità del database (nel caso sia di tipo SQL Server).

Vedere anche: VMware to tackle vCenter availability with new Server Heartbeat.

MSCS o Failover Cluster

Soluzione non più supportata! Almeno fino a vSphere 5.5U3 o 6.0.

Vedere: http://www.vmware.com/pdf/VC_MSCS.pdf e Reference Implementation: Clustering VirtualCenter 2.5 Using Microsoft Cluster Services.

In questo caso il vCenter Server è una risorsa di un cluster applicativo ed i nodi del cluster possono essere virtuali, fisico o fisico/virtuale. Ovviamente per implementare un cluster Microsoft è richiesta una versione di Windows Server Enterprise o Datacenter.

Da notare che vCenter Server 2.5 è supportato solo su sistemi Windows Server 2003 o Windows Server 2003 R2. Mentre vCenter Server 4.0 è supported also on Windows Server 2008. E vCenter Server 4.1 o 5 richiede un sistema a 64 bit (e supportano anche Windows Server 2008 R2).

Una soluzoine simile è quella di utilizzare altre tecnologie di cluster applicativo, come ad esempio Veritas Cluster: http://searchservervirtualization.techtarget.com/news/article/0,289142,sid94_gci1341780,00.html (ma comunque la soluzione non è supportata).

Nota: vCenter Server 4.x e 5 non sono più supportati con soluzioni di cluster di terze parti (rispetto a VMware), come ad esempio Microsoft Clustering Service and Veritas Cluster Services. Però a partire dalla 5.5U3 (o ovviamente da 6.0) tornerà ad essere supportato il cluster (probabilmente solo Microsoft).

VMware FT?

Soluzione non supportata in vSphere 4.x e 5.x!

Ci si potrebbe chiedere perché non usare VMware FT per aumentare la disponibilità di un vCenter Server virtuale? Semplicemente perché il requisito minimo di processore di vCenter Server 4.0 è di almeno 2 vCPU (e potenzialmente di più al crescere dell’infrastruttura da gestire e se il DB è locale).

Come è noto il limite della versione attuale di VMware FT (anche in vSphere 5.0) è di gestire VM ciascuna con solo 1 vCPU. Quindi i si configura un vCenter Server con una sola vCPU (per ambienti piccoli funziona, ma non sarebbe comunque supportato) o non si usa VMware FT.

Per informazioni sulla tecnologia vedere la pagina ufficiale di VMware FT

A partire da vSphere 6.0 e con il nuovo FT, sarà possibile, in alcuni specifici scenari, utilizzare questa soluzione.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2348 Posts)

Virtualization & Cloud Architect. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert (2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015). PernixPro 2014. Dell TechCenter Rockstar 2014. MVP 2014. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.