Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 3 minutes

Per l’elenco di tutti gli obiettivi vedere la pagina dell’esame VCP5.

Objective 4.2 – Create and Deploy vApps

Vedere anche questo post: Objective 4.2 – Create and Deploy vApps.

Identify vApp settings (same as vSphere 4.x)

Vedere la vSphere Virtual Machine Administration Guide (pag. 179 e 183). Le impostazioni più comuni di una vApp sono:

  • vApp Resources: per definire i parametri relativi a CPU e memory capacity (Share, Reservation, Reservation type, Limit).
  • vApp Startup and Shutdown Options: per definire l’ordine di avvio e spegnimento delle VM all’interno della vApp.
  • vApp Properties: all’interno della Advanced Property Configuration.
  • IP Allocation Policy: vedere il punto successivo sull’IP Pool.

Create/Clone/Export a vApp (same as vSphere 4.x)

Vedere la vSphere Virtual Machine Administration Guide (pag. 178 e 193) e Build & Manage a vApp. Può essere anche gestito tramite vSphere Web Client.

Da notare che il formato di distribuzione della vApp è il formato OVF, inoltre i metadati della vApp risiedono all’interno del vCenter Server database, in questo modo una vApp può essere facilmente distribuita attraverso più host ESXi. D’altra parte l’informazione può essere persa se il database del vCenter Server viene azzerato (o si corrompe) o se un host viene rimosso dal vCenter Server. Per evitare di perdere i metadati si consiglia di salvare la vApps in un OVF package.

Add objects to an existing vApp (same as vSphere 4.x)

Vedere la vSphere Virtual Machine Administration Guide (page 181). Può essere anche gestito tramite vSphere Web Client.

Da notare che una vApp può includere: VM, Resource Pools e altre vApp.

Edit vApp settings (same as vSphere 4.x)

Vedere la vSphere Virtual Machine Administration Guide (page 183) and Edit vApp settings. Può essere anche gestito tramite vSphere Web Client.

Configure IP pools (same as vSphere 4.x)

Vedere la vSphere Virtual Machine Administration Guide (page 191). Da notare che le diverse opzioni per gestire l’allocazione degli IP di una vApp sono:

  • Fixed IP: gli indirizzi sono gestiti e configurati manualmente. Non è necessario alcun IP pool.
  • Transient IP: gli indirizzo sono automaticamente allocati, all’accensione della vApp, usando un IP pool da un range specificato. Gli indirizzi sono rilasciati appena la vApp viene spenta.
  • DHCP: viene utilzzato un DHCP server per l’assegnazione degli indirizzi.

Suspend/Resume a vApp (same as vSphere 4.x)

Vedere la vSphere Virtual Machine Administration Guide (pag. 194 e 195). Può essere anche gestito tramite vSphere Web Client.

Determine when a tiered application should be deployed as a vApp (similar as vSphere 4.x)

Vedere la vSphere Virtual Machine Administration Guide (pag. 177) e vApps in vSphere 4, and why they’re very, very useful. Notare che per utilizzare le vApps è necessario disporre sia del vCenter Server, ma anche della licenza del DRS.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2837 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Share