Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 2 minutes

Circa un anno fa Dell ha acquistato KACE, un’azienda nata nel 2003 e specializzata nelle soluzioni di computer systems management indirizzata alle aziende di medie e grandi dimensioni con un massimo di 3.500 addetti.

Attualmente la linea è composta da due famiglie di prodotti pensati per coprire diversi aspetti della gestione (e comunque pensati per lavorare insieme):

  • Dell KACE K1000, più orientato alla gestione degli assett ed include anche un sistema di gestione dei ticket
  • Dell KACE K2000, più orientato al deployment e alla gestione delle immagini

L’aspetto interessante dei prodotti è che funzionano in modalità appliance e la gestione avviene web-oriented, rendendo quindi semplice e veloce il deploy di questi servizi, rispetto a soluzioni analoghe (a tale riguardo vedere anche il documento “Best Practices in Lifecycle Management: Comparing Suites“). Al momento non esiste una modalità sotto forma di servizio cloud esterno e il prezzo di acquisto che parte da un minimo di 100 postazioni limita l’impiego di queste soluzioni in molte realtà SMB italiane (in realtà per queste vi sarebbe il M300 Asset Management Appliance, di fatto una versione piccola e depotenziata del K1000).

Qualche mese fa, Dell ha annunciato la disponibilità dei nuovi prodotti della linea KACE: i K1100-ADV e K2100-ADV, entrambi sono basati su hardware standard PowerEdge da 1U e  dotati di processori Intel Xeon quad-core e si possono configurare in RAID 5. Il K1100-ADV offre fino a 12 GB di memoria, mentre il K2100-ADV fino a 6 GB di memoria.

In alternativa si può scegliere di adottare le soluzioni di virtual appliance (i VK1000 e KV2000), che hanno il vantaggio di non introdurre hardware nuovo, ma soprattutto di beneficiare delle soluzioni di alta disponibilità, business continuity e data protection offerte dall’infrastruttura di virtualizzazione. Attualmente l’unica piattaforma supportata è VMware (i virtual appliance sono forniti in formato OVF), per le altre il limite è legato al sistema operativo impiegato (FreeBSD) che potrebbe non essere supportato. Attenzione che il virtual disk è impostato a 250 GB in entrambi gli appliance, quindi potrebbe essere utile impiegare il thin provisioning per non precare spazio inutile.

Sul sito web ufficiale sono disponibile sia alcune demo, che le versioni trial dei virtual appliance.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2908 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share