Questo post è disponibile anche in: Inglese

Ora che il VMworld EU 2012 è finito, posso sintetizzare e tirare le somme di questo evento, un po’ come già fatto per l’evento VMworld US 2012.

I momenti e gli aspetti migliori sono stati:

  • Networking con altre persone, che secondo me rimane la principale motivazione per partecipare a questo tipo di eventi. Ho avuto il piacere e l’onore di conoscere molte persone e re-incontrarne altre già conosciute. Come sempre rimane il rammarico per il poco tempo a disposizione e per tutte le persone che non sono riuscito a conoscere.
  • vBrownBag TechTalks: idea già avviata con il VMworld US 2012 e devo dire che è comunque interessante. Alcuni talk (non i mie) erano persino più interessanti di molte sessioni. E nell’ultimo vi erano pure gadget interessanti, come licenze di Workstation 9 e Fusion 5.
  • vExpert/VCDX/Office of the CTO Meeting: grande evento con buona parte delle persone che contano.
  • VMUG Party (lunedì sera): decisamente ottimo, sicuramente meglio di molti altri party!
  • VMUG Lunch (mercoledì): nulla da aggiungere. Vale sempre la pena esserci se non altro per le discussioni interessanti (e pure perché ho avuto Steve Herrod seduto accanto a me).
  • VMUG IT vBeer: organizzata al momento (peccato perché ci poteva essere più gente), ma comunque piacevole sia per la compagnia che per il posto.
  • Le keynote (specialmente la seconda, anche se era comunque una “copia” di quella già vista a San Francisco).
  • Il centro esami, comodo e vicino all’evento. Con possibilità di avere sconti sugli esami del 50%!
  • La città di Barcellona! Buono il tempo meteorologico. Peccato per il poco tempo a disposizione. Per chi è curioso, qua un paio di foto che sono riuscito a fare durante un’ora libera nella giornata di lunedì.

Momenti dubbi:

  • Date dell’evento: ritengo che tenere l’edizione europea a meno di due mesi da quella americana ne limiti un po’ il valore. Perché non riportarla a febbraio (o marzo) subito dopo o prima il PEX americano? In questo modo il partner day diventerebbe un vero PEX europeo! E poi perché fare un evento di appena 3 giorni (di cui l’ultimo strozzato alle 4 del pomeriggio)?
  • Informazioni: in alcuni casi erano carenti. Sul posto erano ragionevoli, ma oggettivamente alcune informazioni sono arrivate in ritardo.
  • Sessioni: ne ho viste poche, anche perché erano la copia di quelle americane. Ma il livello tecnico non sempre corrispondeva al vero ed è un peccato. Visto che hanno subito un grosso processo di selezione, perché non validarne alche il livello per evitare che un 300 sia in realtà appena un 100?
  • Cibo: decisamente migliore di quello di San Francisco, ma molto monotono (tutti i giorni le stesse cose!). Però si sono riscattati nel party finale, con un cibo vario, incluse alcune specialità spagnole!
  • VMware Community: in generale tutto bene, ma qualcosa nell’organizzazione si è perso (secondo me). Ed è n peccato che, ad esempio, siano mancati gli spazi in lingua diversa dall’inglese come invece era accaduto l’anno scorso a Copenhagen.
  • Spirito italiano: considerazione mia personale, ma a parte il VMUG italiano, dov’era il resto dell’Italia? Di italiani se ho sentivi tanti (e secondo me erano più di 100), ma erano “nascosti”. Un po’ è colpa dell’approccio individualista (e a volta protagonista) che pervade alcune persone, ma ritengo che una parte di “colpa” cada anche su VMware Italia. Possibile che non organizzi un evento al VMworld per tutti gli italiani (e si limiti invece ad incontrare solo alcuni clienti e partner)? Ad altri eventi ho notato una maggiore attenzione anche a questi aspetti.

Momenti peggiori:

  • Location: troppo lontani da tutto (tranne forse dall’aeroporto), troppo distanti i padiglioni e troppo sparpagliati i party e i meeting. Sarebbe stato decisamente meglio avere l’evento alla Fiera 1, vicino al centro.

This post has already been read 397 times.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2737 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share