Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 3 minutes

PoweringTheCloud2013
Anche quest’anno partecipo all’evento Powering the Cloud (per chi è curioso questo è stato il mio commento relativo all’evento dell’anno scorso). Ho già spiegato perchè partecipare a questo evento, quindi, ora che è iniziato possiamo commentare se veramente ne è valsa la pena. Sicuramente rappresenta un importante evento europeo (organizzato da SNW Europe) al quale conviene partecipare.

L’agenda è decisamente molto densa e strutturata in tanti percorsi differenti anche in organizzati in modo caratteristico (alcuni sono più strutturati sotto forma di panel, altri sono su tematiche ben precise). Curiosa, rispetto ad altri eventi, la mancanza di una vera e propria general session, ma si inizia tuffandosi subito a capofitto nei vari argomenti. E’ comunque un approccio da non sottovalutare, visto che permette a ciascuno di costruirsi la propria agenda in base alle proprie necessità ed interessi.

Le keynote comunque continuano ad esserci solo che sono all’interno di una delle tante tracce parallere.

Interessante anche il fatto che quest’anno vi sono, tra i vari speaker, più persone tecniche (come ad esempio Darren Woollard e Bas Raayman) oltre che i soliti vendor (vero che anche loro rappresentano in realtà dei vendor). Potrebbe essere un’evoluzione interessante verso la definizione di una community track?

Tra l’altro avevo anche alcuni meeting già pianificati anche per la prima giornata: SNIA, DotHill, SpectraLogic. Quindi non ho avuto abbastanza tempo da seguire un numero adeguato di sessioni e capire se le nuove formule sono vincenti.

L’evento comunque non è solo diventato un ottimo evento dedicato al mondo degli storage, ma ha saputo cresce (senza degenerare) fino a coprire in modo organico ed equilibrato anche altri aspetti come la virtualizzazione, le reti, la sicurezza, … per diventare un evento datacenter oriented (o cloud oriented a seconda dei punti di vista). Rispetto ad altri eventi simili, si percepisce un maggior interesse al dibattito, alla formazione, alla condivisione di informazioni, piuttosto che a proporre prodotti e tecnologie.

L’organizzazione è oltretutto impeccabile (benché alcuni aspetti siano ancora migliorabili) e la press room (sono stato invitato come “giornalista” accreditato) è ottima esattamente come l’anno scorso. Tra l’altro, già ieri pomeriggio si è svolta una press conference decisamente utile ed informativa. E ieri sera si è anche svolta la StorageBeers, come di consueto.

Interessante anche il fatto che l’evento include vari altri eventi (Conference Partner Session). Tra i vari disponibili avevo deciso di seguire quello pomeridiano (dalle 16:00 alle 20:00): Cloud Camp Frankfurt.

CloudCamp è una “unconference” nella quale i vari early adopter del cloud computing condividono idee ed opinioni. Con i rapidi cambiamenti che si verificano nel settore, questa è stata l’occasione dove condividere le esperienze, le soluzioni ma anche i dubbi. Tra gli speaker vi erano:

  • Reuven Cohen, Chief Cloud Advocate Citrix, Co-Founder CloudCamp (@rUv)
  • Chris Boos, CEO arago AG (@boosc)
  • René Buest, Analyst New Age Disruption, Analyst GigaOM Research (@ReneBuest)
  • Mark Masterson, Troublemaker CSC Financial Services EMEA (@mastermark)
  • Hendrik Andreas Reese, TÜV Rheinland i-sec GmbH
  • Moderation: Roland Judas, Technical Evangelist arago AG (@rolandjudas)

L’evento serale celebrerà degnamente i 10 anni di SNW Europe e i 5 anni di Datacenter Technologies e Virtualization World.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2918 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share