Questo post è disponibile anche in: Inglese

Durante il recente VMworld Europe, ho avuto l’opportunità di parlare con Tony Hampel, Director of Product Marketing di Nexenta a riguardo del loro prodotto pensato per ambienti VDI. Avevo già avuto di incontrarli un anno fa, in occasione dello scorsa edizione del VMworld EU (e prima durante il Open Storage Summit EMEA 2012) e già avevo scritto riguardo al loro prodotto N4V. E’ stata quindi l’occasione di scoprire le novità di questi ultimi mesi.

Nexenta VSA for VMware Horizon View (NV4V) è una soluzione specifica per gli ambienti Virtual Desktop Infrastructure (VDI), disponibile sotto forma di virtual storage appliance (VSA) che semplifica l’implementazione e la gestione della parte relativa allo storage (ma non solo) di una soluzione VDI basata su VMware Horizon View. Grazie all’integrazione con VMware vSphere e VMware vCenter Server, NV4V fornisce funzionalità complete, tra cui deduplica dei dati e la compressione, flessibilità, back-up e ripristino, snapshot illimitati, accelerazione dei metadati e IOPS uniforme in qualsiasi situazione.

Lo storage è normalmente basato sul prodotto Nexenta NextStor, ma in realtà NV4V può utilizzare diverse soluzioni di storage:

  • local storage: dischi locali in ogni nodo ESXi, che permetto di costruire dei building block sia di potenza computazionale che di storage
  • storage SAN di terze parti o NexentaStor: con il supporto per i protocolli iSCSI/FC/FCoE
  • bare-metal installed NexentaStor NAS: con due differenti opzioni: share NFS esistenti o raw disk
  • NFS di terze parti

Naturalmente nel caso di storage locale bisogna aggiungere ulteriori considerazioni sul design dello storage e dei pool dei virtual desktop. A tale proposito rimando a questo post precedente: Storage per ambienti VDI: locale o condiviso?

Al momento siamo arrivati alla versione 2.2 del NV4V (decisamente diverse evoluzioni da quando l’ho visto nella sua versione 1.0) e sono state aggiunte nuove funzionalità e miglioramenti:

  1. Added Additional ZFS and TXG analytics: these analytics enable NexentaStor to effectively identify storage bottlenecks and what they may be causing them. This also helps us identify current and future performance issues before they happen.
  2. Added a GUI Dashboard Summary: this new feature provides a summary of desktop storage usage pool per desktop. It also demonstrates that the administrator hasn’t over provisioned storage per VM. Through this we can actually see how much compression is taking place. Plus this is another method of storage monitoring outside of vCenter.
  3. vSphere 5.5 Support: NV4V has complete support and compatibility with vSphere 5.5 and will always keep track with the latest vSphere releases.
  4. Added Steady State Benchmarking: This feature gives admins an opportunity to try different configurations before they deploy NV4V with View in a production environment. This is similar to Enterprise Standard LoginVSI Metrics.
  5. Added SAN Accelerator Profile: This is a deployment profile optimized for a specific use case, it accelerates a contested or underperforming SAN.
  6. Enhanced Raw Device Mapping (RDM): We’ve added support for a iSCSI or Fibre Channel LUN as a physical RDM device to the Nexenta VSA. This feature provides Nexenta a competitive advantage for all vSphere versions prior to version 5.5.
  7. Added Access Control List (ACL): This provides for multi-user access and limited permissions. We provide four options: Administrator, Deployment User, Performance Monitoring User, and Read Only User.

Come di consueto, per i prodotti Nexenta, è disponibile una versione di prova valida per 45 giorni.

Vedere anche gli altri report del VMworld europeo 2013.

This post has already been read 585 times.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2735 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share