Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 4 minutes

Avevo già descritto i prodotti Atlantis ILIO e come la loro particolare soluzione di caching lato host possa risulta interessante in molti casi (soprattutto in ambienti VDI). Queste soluzioni sono apprezzate già da più di 440 clienti (500.000 licenze VM vendute nel mondo).

USXMa ora Atlantis Computing compie un grande passo e diventa a tutti gli effetti uno storage vendor, introducendo una nuova soluzione in questo settore.

La soluzione Atlantis ILIO USX™ (Unified Software-defined Storage) diventa anche più generica essendo pensata per virtualizzazione server, ambienti business critical (come grossi database), big data, …. Ed è una soluzione Software-defined Storage Solution 100% software.

E, soprattutto, può lavorare con storage esistenti oppure essere la base per implementare un Enterprise Storage.

Atlantis ILIO USX è una soluzione innovativa di in-memory software-defined storage in grado di aggregare e ottimizzare qualsiasi tipo di storage SAN, NAS, RAM o qualsiasi tipo di DAS (SSD, Flash, SAS) per creare soluzioni di tipo:

  • Software-defined hybrid array usando la RAM dei server e uno storage condiviso esistente di tipo SAN o NAS. In questo caso si incrementato le prestazioni e il numero di VM supportatibili.
  • Software-defined hyper-converged system usando RAM, dischi e flash dei server per costruirsi una soluzione convergente con storage e computing.
  • Software-defined all-flash array anche se già avete una soluzione full-flash, o solo delle schede flash lato host, questo prodotto può migliorare la capacità dello storage in modo economico.

Secondo Atlantis Computing, il software consente ai clienti di implementare fino a cinque volte più macchine virtuali su storage esistente, migliorando le prestazioni e aumentandone la flessibilità.

Ma permette anche di convertire storage locale in uno storage con caratteristiche di high availability e di funzioni enterprise, riducendo il corso dello storage del 50%.

L’aspetto interessante è come viene “consumato” lo storage sotto forma di pool di risorse:

ILIO-USX

La tecnologia Atlantis ILIO In-Memory Storage utilizza l’hypervisor per convertire la RAM dei server in una risorsa di storage, formando la base per tutte le soluzioni di storage software-defined Atlantis ILIO. Latenze di accesso RAM sono misurate in nanosecondi, mentre i tempi di accesso al disco sono misurati in millisecondi, rendendo RAM circa 100.000 volte più veloce dei disci. Questo uso esclusivo del server di RAM crea IOPS abbondanti e poco costosi che sono fondamentali per le prestazioni di questo tipo di storage.

Atlantis ILIO utilizza una combinazione di tecnologie volte ad ottimizzare la memoria usata ed a migliore le prestazioni sullo storage:

Per maggiori informazioni registratevi al Launch Webinar.

A questo punto sono veramente contento di essere uno dei delegati del prossimo Virtualization Field Day, visto che Atlantis Computing è uno degli sponsor e quindi si parlerà sicuramente di questo prodotto e della loro strategia di mercato.

Essersi buttati nel già pieno e caotico mercato dello storage potrebbe sembrare un azzardo, ma apre sicuramente nuove possibilità (e mi immagino che a questo punto stiano valutando anche altri settori strategici).

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2906 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share