Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 4 minutes

Pochi mesi fa il tean di VMware Workstation aveva annunciato la disponibilità della beta pubblica del nuovo prodotto, chiamato temporaneamente VMware Workstation Technology Preview 2015, lasciando presagire un rilascio verso fine anno del prodotto definitivo.

In realtà da poco VMware Workstation 12 è già presente (e se verificate gli aggiornamenti on-line sul vostro Workstation vi viene proposta proprio questa versione) con tante novità.

Ma prima di parlare delle novità, introduciamo le due diverse edizioni a pagamento: Workstation Pro (di fatto quello che prima si chiamava semplicemente Workstation) e Workstation Player (in precedenza chiamato Player Pro). Non è ancora chiaro se ci sarà una versione di Player gratuita (Player Pro è comunque una versione a pagamento) o meno. Notare come questa suddivisione combacia a grandi linee con l’offerta relativa a Fusion dove esistono due differenti edizioni (Fusion e Fusion Pro).

Le principali novità della nuova versione (a parte le edizioni già discusse e i prezzi che sono aumentati per l’edizione Pro), sono:

  • Supporto per nuovi sistemi operativi guest, tra cui Windows 10, Ubuntu 15.04, Red Hat Enterprise Linux 7.1, Fedora 22
  • Lato sistema operativo host supporto solo a sistemi operativi (Windows o Linux) a 64-bit
  • Supporto a DirectX 10 e OpenGL 3.3
  • Pronto per schermi di nuova generazione inclusi quelli 4K UHD (3840 x 2160) per i desktop e quelli QHD+ (3200×1800) per portatili e tablet (Windows)
  • Supporto per hardware recente e per i sensori in dotazione a molti portatili e tablet
  • Connettività USB 3.0 e Bluetooth
  • Miglioramenti nelle prestazione per le VM protette e cifrate
  • Supporto a IPv6-to-IPv4 Network Address Translation (6to4 e 4to6)
  • Miglioramenti vari nell’interfaccia grafica, inclusa la funzione di tear away tab (possibilità di staccare un tab, un po’ come succedere in molti browser)
  • Migliore integrazione con vSphere e vCloud Air
  • Macchine virtuali con scadenza (un po’ come avviene in molti servizi cloud IaaS)

Le ultime due, sono dal mio punto di vista le novità più intessanti.

In particolare l’integrazione con vSphere è una delle funzioni che utilizzo sempre più spesso, soprattutto quando devo collegarmi ad un host singolo e non ho voglia di installarmi il vSphere Client (serve la versione giusta e se ti manca si perde molto tempo nell’installazione). E’ anche comodo per gestire VM passando dal vCenter, alla faccia del vSphere Web Client che sarà sì migliorato ma che in futuro potrebbe causare sempre più problemi per la sua forte dipendenza da Flash.

E di recente ho iniziato ad utilizzare anche l’integrazione con vCloud Air: in Workstation 11 era giusto una bozza e poco usabile (più che altro per avere la console delle VM), ma ora diviene più interessante, con la possibilità di caricare le VM con un semplice drag-and-drop dalle VM locali!

Per i lab poi l’idea di aggiungere una data di scadenza alle VM è molto comodo (per farne poi pulizia) come sono molto comodi (e migliorati dal punto di vista delle prestazioni) i linked clone e le auto-snapshot.

Notare come questa nuova versione segue un ritmo abbastanza forsennato di rilascio, con un prodotto all’anno (almeno negli ultimi tempi):

  • Workstation 12.0 – Rilasciato il 24 agosto, 2015
  • Workstation 11.0 – Rilasciato il 3 dicembre, 2014
  • Workstation 10.0 – Rilasciato il 3 settembre 2013
  • Workstation 9.0 – Rilasciato il 23 agosto 2012
  • Workstation 8.0 – Rilasciato il 14 settembre 2011
  • Workstation 7.0 – Rilasciato il 26 ottobre 2009
  • Workstation 6.0 – Rilasciato il 9 maggio 2007

Per maggiori informazioni sulla differenza tra le varie versioni di prodotto e le diverse edizioni, esiste una pagina pagina dedicata (al momento solo in inglese).

Curiosità invece sul numero: finora le diverse numerazioni di Workstation corrispondevano (almeno negli ultimi anni) all’ultima versione di virtual hardware di vSphere e in effetti la versione 11 era la massima supportata da vSphere 6.0. Ora con la versione 12 ci troviamo un virtual hardware supportato solo da Workstation (è comunque facile passare tramite Workstation da una versione all’altra) e da Fusion 8. Però potrebbe essere il sintomo di un rilascio non poi così lontano di una nuova versione di vSphere (benché al momento non vi sia traccia di beta o rumors a riguardo).

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2904 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share