Reading Time: 5 minutes

Sono passati quattro anni dal rilascio di Red Hat Enterprise Linux 7 e nel mentre il mondo dell’IT è cambiato drasticamente e Red Hat Enterprise Linux si è evoluto di pari passo. Red Hat Enterprise Linux 8 Beta contiene non solo centinaia di miglioramenti e dozzine di nuove funzionalità, ma molte nuove capacità sono state progettate per aiutare la piattaforma a guidare la trasformazione digitale e alimentare l’adozione dell’hybrid cloud senza impattare i sistemi di produzione esistenti.

Red Hat Enterprise Linux 8 sarà la nuova generazione della piattaforma Linux più diffusa del mondo alimenta le strategie di digital transformation nel cloud ibrido, dove le imprese si avvalgono di innovazioni come Linux container e Kubernetes per fornire prodotti e servizi differenziati. Al tempo stesso, Red Hat Enterprise Linux 8 permetterà ai team IT di ottimizzare ed estrarre valore dagli attuali investimenti tecnologici, associando la domanda di innovazione con stabilità e produttività.

Red Hat Enterprise Linux 8 Beta introduce il concetto di Application Streams per fornire userspace package più semplicemente e con massima flessibilità. I componenti userspace possono aggiornarsi più velocemente dei package dei sistemi operativi core e senza dover attendere le nuove versioni. Numerose versione dello stesso pacchetto, ad esempio un linguaggio interpretato o un database, possono essere resi disponibili per l’installazione tramite un application stream, favorendo l’agilità e le versioni personalizzate di Red Hat Enterprise Linux senza interferire con la stabilità della piattaforma o di specifiche implementazioni.

Oltre a un’architettura core raffinata, altre novità di Red Hat Enterprise Linux 8 sono:

  • Networking – Red Hat Enterprise Linux 8 supporterà un più efficiente networking Linux nei container tramite IPVLAN, collegando i container inseriti nelle macchine virtuali (VM) ai networking host con un impatto minimo su throughput e latenza. Comprende inoltre un nuovo TCP/IP stack con Bandwidth e Round-trip propagation time (BBR) congestion control, che assicura maggiori prestazioni, minor latenza e packet loss ridotta per servizi Internet-connected come streaming video o hosted storage.
  • Sicurezza – Come per tutte le versioni di Red Hat Enterprise Linux precedenti, Red Hat Enterprise Linux 8 porterà con sé hardened code e security fix agli utenti to enterprise, insieme all’esperienza nella sicurezza software che Red Hat può vantare. Con Red Hat Enterprise Linux 8, l’obiettivo è quello di offrire il più sicuro sistema operativo by default per il cloud ibrido. OpenSSL 1.1.1 e TLS 1.3 sono entrambi supportati in Red Hat Enterprise Linux 8, abilitando le applicazioni server sulla piattaforma a impiegare i più recenti standard per la protezione cifrata dei dati cliente. System-wide Cryptographic Policies sono incluse, facilitando la gestione della conformità crittografica da un unico prompt ed eliminando l’esigenza di modificare e sintonizzare applicazioni specifiche.
  • Linux container – Red Hat ha fissato uno standard quando abbiamo introdotto il supporto enterprise per Linux container in Red Hat Enterprise Linux 7. Oggi, i Linux container sono diventati un componente critico della digital transformation, offrendo un percorso per applicazioni più flessibili e portabili, e Red Hat rimane all’avanguardia di questa migrazione con Red Hat Enterprise Linux 8. Il container toolkit leggero e basato su standard aperti di Red Hat è oggi pienamente supportato e integrato in Red Hat Enterprise Linux 8. Realizzato tenendo a mente la sicurezza enterprise, Buildah (creare container), Podman (gestire container) e Skopeo (condividere/trovare container) aiutano gli sviluppatori a trovare, gestire, creare e condividere applicazioni containerizzate in modo più rapido ed efficace grazie alla natura distribuita e daemonless degli strumenti.
  • System management – La crescita di Linux nei datacenter aziendali ne richiede la gestione e, frequentemente, nuovi system administrator si trovano a dover amministrare footprint di sistemi complessi o a svolgere attività particolarmente difficili. Red Hat Enterprise Linux 8 aiuterà i system administrator con tutti i livelli di esperienza con svariati miglioramenti a partire da un unico pannello di controllo nella Red Hat Enterprise Linux Web Console che offre un’interfaccia semplificata per gestire in modo più semplice i server Red Hat Enterprise Linux sia in locale sia in remoto, comprese le macchine virtuali.
    • Composer permette a utenti Red Hat Enterprise Linux esperti e non di creare e implementare immagini custom nel cloud ibrido – da ambienti fisici a quelli virtuali fino alle istanze private e public cloud. Grazie a una semplice interfaccia grafica, Composer semplifica l’accesso ai package così come il processo per l’assemblaggio di immagini implementabili, permettendo agli utenti di dare vita più facilmente a immagini Red Hat Enterprise Linux-based, per una vasta gamma di modelli di deployment, comprese le macchine virtuali e gli ambienti cloud.
    • Yum 4, la nuova generazione del package manager in Red Hat Enterprise Linux, offre migliori prestazioni, meno dipendenze installate e più scelta nelle versioni dei package per soddisfare i requisiti di specifici workload.
  • File system e storage – Tra le novità a livello di storage in Red Hat Enterprise Linux 8 vi sono:
    • Stratis un volume-managing file system per una più sofisticata gestione dei dati. Stratis astrae le complessità inerenti al data management tramite API, abilitando queste funzionalità senza che i system administrator si preoccupino delle nuance sottostanti, offrendo così un più efficace e veloce file system.
    • File System Snapshot offre un modo più rapido di svolgere attività file-level come la clonazione delle virtual machine, risparmiando spazio dato che il consumo dello storage avviene solo quando i dati cambiano. Supporto per LUKSv2 per cifrare i dati on-disk combinato con Network-Bound Disk Encryption (NBDE) per una maggiore sicurezza dei dati e un accesso più semplice ai dati cifrati.

La Red Hat Enterprise Linux 8 Beta è disponibile a tutti i clienti Red Hat, mentre per gli sviluppatori esiste un apposito programma chiamato Red Hat Developer Program.

Share

Andrea Mauro

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.