Reading Time: 7 minutes

Iperius Backup è un software di backup, rilasciato sia in versione free che in versione commerciale, pensato per chi necessita di funzioni di backup avanzate per la propria azienda.

La novità è che questo software è di produzione italiana, sviluppato interamente da Enter Software.

Non è una novità che un software nasca in Italia, ma è piacevole constatare che di recente vi è un’interessante crescita nella produzione di prodotti e soluzioni “nostrane”.

Enter dichiara che Iperius Backup è stato scelti da migliaia di aziende in più di 150 nazioni… numeri considerevoli che però forse andrebbero pesati con quanti magari hanno il software come sottoprodotti di un’offerta cloud.

Esistono sostanzialmente tre diverse edizioni del prodotto:

In realtà esistono diverse edizioni Advanced persate per varie funzionalità (VM, Tape, DB, …), ma è comunque prevista un’edizione Full. Per maggiori informazioni vedere la tabella di confronto tra le diverse edizioni.

I prezzi sono decisamente interessanti e con una licenza perpetua con aggiornamenti gratuiti garantiti; segno che questo tipo di licenza è evidentemente pensata e tagliata per la realtà italiana.

Già la versione freeware di Iperius Backup consente di fare il backup su qualsiasi dispositivo di archiviazione di massa, come NAS, dischi esterni USB, unità RDX, e computer in rete.

Dispone di funzioni complete di schedulazione e di invio e-mail. Supporta la compressione zip senza limiti di dimensione, il backup incrementale, l’autenticazione in rete e l’esecuzione di script e programmi esterni.

In generale il set di funzionalità è molto ricco:

  • Protezione dai ransomware mediante rilevazione file compromessi
  • Installazione come servizio di Windows
  • Esecuzione parallela di backup multipli
  • Report dettagliati
  • Esecuzione script, processi e file esterni prima e dopo il backup
  • Concatenazione delle operazioni di backup
  • Variabili speciali per personalizzare percorsi e impostazioni
  • Illimitate operazioni di backup, illimitati elementi e illimitate destinazioni
  • Restore rapido e automatico di server, VM, database, caselle di posta
  • Autenticazione automatica nelle condivisioni di rete
  • Esecuzione automatica pianificata di ogni operazione di backup
  • Filtri di esclusione o inclusione dei file in base all’estensione
  • Spegnimento automatico del computer alla fine del backup
  • Procedure di backup conformi alla normativa GDPR (Maggiori Informazioni)

Interessante l’edizione specifica per database che include la possibilità di gestire backup e restore di database SQL Server/Oracle/MySQL/MariaDB/PostgreSQL. Decisamente un set di DBMS completo.

Come pure la compatibilità che include persino sistemi operativi oramai obsoleti, ma ancora utilizzati nella realtà italiana:

  • Windows Client XP, Windows 7, Windows 8, Windows 10
  • Windows Server 2003, Server 2008, Server 2012, Server 2016, Server 2019
  • VMware vSphere (4.x, 5.x, 6.x) / Microsoft Hyper-V per gli ambienti virtuali

Interessante anche la possibilità di salvare i dati verso i principali servizi cloud in circolazione, come Amazon S3Google DriveMicrosoft AzureDropbox, qualsiasi storage S3 compatibile, e Google Cloud Storage.

Impressionante la semplicità di installazione: un paio di click e un paio di secondi in tutto!

Questo grazie ad pacchetto di installazione veramente minimale: 48,1 MB.

Apprezzabile la presenza di più lingue, dove ovviamente c’è anche l’italiano (benché non sia la lingua impostata di default):

Installazione di Iperius Backup

Protezione per ambienti virtuali

Iperius Backup per VM supporta VMware vSphere e Microsoft Hyper-V.

L’aspetto interessante e quasi unico è che viene dichiarato il supporto anche per ESXi Free con tanto di backup incrementale tramite Change Block Tracking (CBT). Visto che viene detto che Iperius Backup supporta pienamente il framework VDDK di VMware, viene da chiedersi come è possibile l’uso di CBT nella versione gratuita di ESXi, visto che essa non espone le API VDAP.

Per le versioni di VMware a pagamento, invece è sicuramente possibile usare CBT, consentendo in questo modo il backup incrementale e differenziale di macchine virtuali ESXi, e solo dello spazio effettivamente occupato sui dischi. Questo consente di velocizzare e rendere più granulari le procedure di backup, riducendo inoltre lo spazio necessario.

Curioso che viene dichiarato che per usare il CBT, la macchina virtuale non deve avere snapshot, cosa che invece tecnicamente è possibile… anche se sconsigliata alla luce dei possibili problemi in caso di ripristino della snapshot.

Come molti prodotti di backup supporta sia VMware vCenter Server che l’accesso diretto agli ESXi, funzione comoda per il ripristino (ad esempio della vCSA) o per ambienti molto piccoli dove il vCenter potrebbe non esserci.

Per il backup di ambienti VMware vSphere è disponibile online un pratico tutorial diversi screenshoot.

Backup configuration for VMware vSphere

In realtà l’installazione è comune per tutti i prodotti come pure l’interfaccia utente iniziale (anche questa multilingua, sempre con l’inglese come lingua di default):

Iperius Backup UI

Notate che di default non viene eseguito come servizio, comodo se lo installate su un PC, ma ovviamente da modificare se volete installarlo su un server e pianificare i backup.

L’interfaccia utente magari è un po’ datata o spartana, ma per contro è particolarmente veloce e poco avida di risorse.

Per VMware sono previste tre diverse modalità di backup:

  • Standard: backup full completo
  • Tramite CBT e quindi incrementale lato sorgente, ma con la possibilità di salvare (lato destinazione) solo full, oppure full + incrementale oppure full + differenziale (uno dei pochi programma di backup per VMware che supporta il differenziale)
  • Replica su datastore o host remoto: in questo caso la copia è full

Molto interessante la possibilità di definire nomi ai file di backup utilizzando apposite macro:

Alcune variabili utilizzabili

I pro del prodotto sono:

  • Costo molto contenuto e una sola licenza per backup e replica di illimitati host e macchine virtuali.
  • Facile da installare e molto “leggero” in termini di occupazione di risorse.
  • Può essere installato su Windows Client o Server.
    N.B:  Per il backup incrementale e differenziale di macchine virtuali (CBT) il sistema operativo dove è installato Iperius deve essere a 64 bit.
  • Prodotto italiano con supporto del prodotto.

Per contro:

  • Prodotto monolitico con quindi possibili problemi di scalabilità (anche se per ambienti medio/piccoli non sarebbe comunque un problema).
  • Funzionalità limitate di backup, ad esempio il backup avviene solo tramite network (e quindi con traffico della management di ESXi). Anche qua non è un particolare problema per realtà medio piccole.
  • Funzionalità limitate di restore, ad esempio niente instant-recovery o restore granulare applicativo.
  • Versione solo per Windows: non è possibile installare il software su macchina Linux e non è previsto una appliance per NAS. Il software è comunque abbastanza leggero da poter essere installato in una VM ed eseguito ad esempio su NAS Qnap o Synology di fascia media (che supporti la virtualizzazione).

Iperius Console

Iperius Console è uno strumento avanzato di gestione centralizzata e monitoring per i computer e i backup.

Attraverso un portale web o una applicazione desktop dedicata, si possono visualizzare i risultati dei backup, vedere i dettagli di eventuali errori, impostare o modificare le pianificazioni dei backup ed eseguire operazioni di backup da remoto.

La Console consente inoltre di aggiornare da remoto Iperius Backup all’ultima versione e si integra con tutti i prodotti della suite Iperius. Le numerose informazioni consentono inoltre di sapere lo stato di ogni PC o server dove è installato Iperius, rendendo la Console uno strumento di IT monitoring estremamente utile per il proprio parco clienti o la propria azienda.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (3055 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Share