Questo post è disponibile anche in: Inglese

Come scritto in precedenza, Dell ha recentemente rilasciato la nuova versione di alcuni software per Equallogic, tra cui l’Host Integration Tools (HIT) for VMware 3.1 compatibile per vSphere 5 (in particolare supporta gli Storage Cluster e le estensioni VASA). Dal sito del supporto Equallogic è possibile scaricare l’appliance e la relativa documentazione.

L’appliance è distribuito sotto forma di file OVA (la versione corrente è HITVE-3.1.1.32.ova) ed il deploy avviene come per ogni altro appliance. Da notare che richiede due interfacce di rete: una verso la rete del vCenter Server ed una verso la rete iSCSI (o la rete di gestione degli Equallogic). L’appliance è basato su una distribuzione CentOS 5.3 (decisamente datata oramai) ed è configurato con virtual hardware 7 (quindi può funzionare tranquillamente anche su host v4.x), 1 vCPU e 2 GB vRAM (anche se apparentemente ne basterebbe anche solo 1,5 ).

Una volta acceso l’appliance, bisogna usare la console (o SSH) e collegarsi come utente root con password eql (successivamente è possibile cambiarla). A questo punto parte un programma di setup e configurazione abbastanza intuitivo:

La configurazione di View e VASA sono opzionali ed appena viene registrato il plugin di vCenter Server l’appliance viene riavviato. L’aggiornamento prevede l’uso di una ISO apposita con i file di aggiornamento. Ma è anche possibile cancellare il vecchio appliance e procedere con il deploy di quello nuovo (se ci si dimentica di de-registrare il plugin dell’appliance vecchio, basta farlo durante la configurazione di quello nuovo).

Una volta che l’appliance è configurato e i plugin sono registrati, quindi appariranno nella schermata principale del vSphere Client (come riportato in figura), ma anche in numero menu e tab contestuali.

Il Datastore Manager e l’Auto-Snapshot Manager sono di fatto la gestione dei volumi e delle snapshot dell’Equallogic, con un’interfaccia del tutto simile a quella nativa dello storage. Il plugin del Virtual Desktop Deployment integra invece le funzioni del View Manager, permettendo la creazione dei pool direttamente da vCenter Server.

Oltre ai plugin, vengono anche creati nuovi allarmi specifici per lo storage, rendendo quindi vCenter Server la piattaforma di gestione e monitoraggio anche per la parte storage (in realtà per alcune operazioni, come l’aggiornamento del firmware dell’Equallogic, sarà ancora necessario usare la console di gestione specifica).

Più curiosa invece, nel mio caso, la registrazione della parte VASA: ovviamente serve vCenter Server 5 e l’appliance richiede un utente per permettere la connessione a vCenter (le API VASA sono sono direttamente sull’Equallogic, ma vengono esportate tramite dall’HIT tramite https://HIT_IP/vasa/services/vasaService). Ma il vCenter Server non permetteva la registrazione, a causa di un errore di questo tipo “cannot connect to profile-driven storage service”.

Cercando le possibile cause avevo trovato, nelle release note, il possibile conflitto con la parte server del Web Client oppure, nel KB2001804, la possibile mancata registrazione del servizio a causa in precoce riavvio del vCenter Server. La verità è stata ancora più curiosa: “semplicemente” mancano i servizi legati a Inventory e Service Profile-Driven Storage (forse un dovuti problema durante l’installazione di vCenter Server); per ripristinarli è bastato lanciare l’installazione di vCenter Server.

Una volta che il VASA provider è stato registrato, diventa possibile creare nuovi storage profile con alcune capability che vengono lette automaticamente dallo storage. Da notare che queste informazioni sono disponibili anche con il firmware 5.0.8 (non ho ancora avuto modo di provare se con il firmware 5.1.x ve ne siano di più).

 

This post has already been read 3472 times.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2642 Posts)

Virtualization & Cloud Architect. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-17. PernixPro 2014-16. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-17. Nutanix NTC 2014-17. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share