Questo post è disponibile anche in: Inglese

Nei post precedenti, ho descritto le differenze tra i diversi tipi di virtualizzazione e i diversi tipi di cloud.

Si potrebbe pensare, ad esempio per il fatto che normalmente un cloud di tipo IaaS fornisce VM, che tra cloud e virtualizzazione (in questo caso di sistema) esista qualche forma di correlazione. Ma la verità è che questa correlazione può esistere come pure non esistere affatto!

La virtualizzazione è più strettamente legata con la parte tecnologica, implementativa ed infrastrutturale. Il cloud più con parti di alto livello, quali la gestione, la logistica, il tipo di servizi e il loro livello di servizio, …

Il cloud implica la virtualizzazione?

Coem scritto, la virtualizzazione è ad un livello relativamente basso rispetto al cloud. A livello di infrastruttura può essere che una soluzione cloud si basi sulla virtualizzazione, ma non è implicito, né tanto meno strettamente richiesto!

Chiaramente per una soluzione cloud di tipo IaaS è molto probabile che una forma di virtualizzazione sia usata (benché teoricamente è possibile realizzare soluzioni IaaS anche senza la virtualizzazione, ma la flessibilità e l’ “elasticità” ne risentirebbero). D’altra parte per soluzioni di tipo PaaS e SaaS la virutalizzazione può essere anche evitata (ad esempio per sfruttare fino a fondo le risorse hardware) e alcuni dei suoi servizi (come ad esempio l’alta disponibilità o la migrazione delle risorse) possono essere implementati a più alto livello.

Ad esempio, la prima versione dei servizi SaaS offerti da Microsoft (BPOS, poi rinominati in Office 365 con l’ultimo aggiornamento di infrastuttura) erano basati su piattaforma hardware non virtualizzata (non so se questo vale ancora per Office 365). Pure Google ha una sua piattaforma basata su sistemi fisici.

Del resto, dal punto di vista dell’utente delle risorse cloud, che la virtualizzazione vi sia oppure no è assolutamente irrilevante (visto che comunque non sarebbe uno strato in sua gestione). Non altrettanto si può dire per il provider: in questo caso se la virtualizzazione può portare vantaggi (ad esempio nella gestione o nei servizi offerti), allora diventa ragionevole e conveniente utilizzarla.

La virtualizzazione implica il cloud?

Usare una forma di virtualizzazione non significa avere una soluzione cloud! L’errore tipico di molte persone è che la virtualizzazione di sistema corrisponda ad avere un cloud privato!

In realtà per caratterizzare una soluzione come di tipo cloud è necessario che disponga delle seguenti caratteristiche (come previste dalla definizione fornita dal NIST):

  • On-demand self-service
  • Broad network access
  • Resource pooling
  • Rapid elasticity
  • Measured Service

Quindi la virtualizzazione di sistema (abbinata ad una forte automazione) può essere un primo passo veros una approccio di tipo IaaS (con cloud privato). Come pure può risultare un  passo necessario per implementare una soluzione IaaS di cloud ibrido.

Maggiori informazioni

This post has already been read 1270 times.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2737 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share