Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 4 minutes

Nel mio incontro con Violin Memory, durante il recente evento Powering the cloud, ho avuto modo di parlare con Garry Veale (Managing Director, EMEA) dell’azienda, dei sui prodotti e nello specifico delle soluzioni per la virtualizzazione.

L’azienda è stata fondata nel 2005, ma ha iniziato a rilasciare i primi prodotti solo nel 2009 (un po’ per il tempo necessario a progettare e sviluppare le soluzioni, un po’ per i lunghi tempi di validazione, ma probabilmente anche perché sono negli ultimi anni questo tipo di soluzioni sono divenute appetibili).

Sono focalizzati nella realizzazione di Flash Memory Arrays for Enterprise Data Storage (ossia di storage basati su memorie flash e focalizzati, per ora, solo nel segmento enterprise). In EMEA hanno diversi uffici e persone in UK, Francia, Germania, Austria, Svizzera e Spagna (ancora nulla per ora in Italia) con più di 50 persone. L’approccio al mercato (come spesso accade in questi casi) è completamente indiriretto e si appoggiano a distributori (per l’Italia al momento l’unico distributore è Maticmind). In Italia al momento hanno due grossi clienti.

Il board dell’azienda è composto da persone con notevole spessore tecnico ed esperienza pregressa:

  • Donald Basile (Chief Executive Officer): prima di approdare il Violin, era Chairman e CEO di Fusion-IO e pioniere nell’uso delle schede PCIe flash su server e workstation.
  • Jon Bennett (Founder & CTO): Bachelor of Computer Science degree (with Research Honors) from Carnegie Mellon e Masters Degree from Harvard University.

Per lo sviluppo dei prodotti, ed in particolare della parte di memoria, Violin ha una forte partnership con Toshiba (che detiene numerisi brevetti in queste tecnologie).

I loro prodotti coprono due aree, con due approcci distinti:

  • Application acceleration-> togliere la latenza che viene ridotta (utile in particolare per le Business Critical Applications, e proprio per quello tra i dipendenti Violin vi sono vari esperti in Oracle e SQL Server)
  • Virtualization -> 60% più denso (utile per grossi consolidamenti)

L’obiettivo è ridurre TCO, Capex, Opex in tutti gli scenari di utilizzo (ricordandosi però che stiamo parlando di soluzioni di fascia enterprise).

Il cuore dei loro prodotti è la Flash Memory Fabric, una “rete” delle varie flash pensata per essere resiliente e altamente disponibile. Oltre che pensata per garantire sempre le massime prestazioni (con la cache attiva anche in scrittura), ottimizzare la latenza, ma anche la longevità dei dispositivi.

A differenza dei “comuni” sistemi basati su SSD che comunque riproducono l’elettronica dei dischi, la Flash Memory Fabric è un sistema di interconnessione completamente nuovo e per molti versi innovativo. Tutti i componenti sono hot-swappable. Lo storage è collegato con un front-end SAN a 8Gb/s Fibre Channel, 10GE iSCSI o 40Gb/s Infiniband.

Le gestione è garantita dal Violin Memory Operating System, che fornisce un’interfaccia semplice ed intuitiva.

 

Nelle foto precedenti è possibile notare uno storage della serie 6000 in grado di raggiungere 1 Milione di IOPS, latenza nell’ordine dei microsecondi, fino a 32 TB di capacità RAW in appena 3U!

Il prodotti sono validati e certificati nei confronti di diversi vendor, incluso ovviamente VMware (lo storage è compatibile con le API di tipo VAAI e dispone anche di un plugin per vCenter), ma anche RHEL, SLES, Windows, Hyper-V, Citrix, AIX, Solaris SPARC, Solaris x86, HP-UX.

Vi sono poi anche interessanti partnership con altri vendor per la vendita o per lo sviluppo congiunto di soluzioni. In particolari le due più recenti sono quelle con Symantec e Fujitsu:

Vedere anche: Altri report dell’evento Powering the Cloud 2012.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2903 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share