Veeam ha annunciato la disponibilità di licenze NFR (Not for Resale) gratuite (per 1 anno e fino ad un massimo di 10 utenti) del nuovo prodotto Veeam Backup for Microsoft Office 365. Le licenze sono disponibile per tutti i VMware vExpert, Microsoft MVP, VTEC member, Certified Engineer e Trainer e sono destinati ad ambienti non‑production ma senza limiti di funzionalità (utiler per lab, ma anche per gli MVP per proteggere i propri dati sull’account Office 365).

Per richiedere la licenza, basta registrarsi a questo link.

continue reading…

Potrebbe essere giunto il momento di investire in qualche certificazione orientata al mondo del cloud computing? Probabilmente la risposta è sì (e più passa il tempo e più diventa certo che sarà sì). Ma quale certificazione?

Poiché esistono diversi tipi di cloud (sia nei servizi che nel modo di consumarli), bisogna fare prima alcune distinzioni e precisazioni.

Tutto quello che riguarda il private cloud in realtà è già coperto da certificazioni tradizionali dei vari vendor. In realtà per la parte di management ed integrazione si possono avere strumenti nuovi con certificazioni nuove (si pensi ad esempio a tutto il percorso Cloud Management and Automation creato da VMware) poichè spesso di ha a che fare con gestione di risorse sia private che pubbliche in un modello ibrido.

continue reading…

Come accaduto con l’annuncio dei vExpert 2016, sempre in questo periodo sono stati annunciati i vExpert 2017. Anche per quest’anno sono stato confermato, per un nuovo anno, come vExpert.

La lista dei vExpert nuovi e riconfermati è stata pubblicata sul blog del VMTN: vExpert 2017 Award Announcement.

continue reading…

Veeam ha da poco ufficializzato l’elenco dei Veeam Vanguard 2017. Il programma Vanguard ricalca lo stile del VMware vExpert o (del ben più storico) Microsoft MVP, ed è composto da un gruppo selezionato ed elitario di persone delle varie community ed che in comune hanno ovviamente la conoscenza dei prodotti Veeam.

Rispetto ad due programmi menzionati è sicuramente più selettivo e, secondo me, gestito al meglio. Nella prima tornata (2015) vi erano solo 31 professionisti. Nel terzo anno vi sono comunque solo 40 persone!

continue reading…

A livello italiano segnalo:

continue reading…

La 13ma edizione del Tech Field Day (#TFD13) si svolgerà ad Austin (Texas) nella prima settimana di febbraio 2017, dal 1 al 3. Sarà presente come delegato e sicuramente scriverò dei post di approfondimento su quanto ho visto ed imparato durante questi giorni.

L’agenda è molto ricca e piena:

continue reading…

Red Hat OpenShift Container Platform 3.4 (rilasciata qualche settimana fa) è una soluzione per l’hybrid cloud incentrata sui container, costruita a partire dai progetti upstream Docker, Kubernetes 1.4, Project Atomic e OpenShift Origin, e basata sul sistema operativo OpenSource Red Hat Enterprise Linux.

Red Hat OpenShift Container Platform offre una piattaforma stabile e sicura per implementazioni container-based, senza compromessi rispetto agli attuali investimenti IT, che consente la convivenza tra le tradizionali applicazioni mission-critical e le nuove applicazioni basate su container e cloud-native.

continue reading…

Questo è il primo articolo di una serie realizzata per StarWind blog sul tema del design, pianificazione ed implementazione di un’infrastruttura per uno scenario ROBO. L’articolo originale (in inglese) è disponibile a questo link.

Lo scenario ROBO

Con l’acronimo ROBO (Remote Office / Branch Office) si identifica normalmente un ufficio remoto, in un altro sito (spesso geograficamente lontano) rispetto all’ufficio principale (o ad un altro ufficio). Molte aziende hanno diversi uffici remoti, in altre città ma anche in altri paesi o continenti. Possono essere semplici filiali o controllate o franchising o qualunque altra tipoligia… ma in molti di questi casi l’infrastruttura IT è governata e gestita dalla capogruppo o in qualche forma distribuita (ad esempio delegando ogni nazione ad avere un proprio IT).

Per varie ragioni che affronteremo in un post successivo, negli uffici remoti sono comunque necessari degli apparati IT e in molti casi anche dei veri e propri server (server di filiale), fisici o virtuali, per implementare dei servizi locali.

continue reading…

Come già annunciato il 23 agosto, la strategia di Veeam abbraccia non più solo il virtuale, ma anche il fisico e il cloud (non che prima non lo facesse, ma ora c’è molta più attenzione a questi mondi e soprattutto c’è una vision unica). Questo ha portato e sta portando molte novità, incluso il cambiamento di nome dei prodotti di Veeam Endpoint Backup che diventano, secondo una nomenclatura consolidata nel mondo dell’industria, dei Veeam Agent (il backup del mondo virtuale rimane comunque “agent-less”, se non consideriamo l’agente VSS attivato on demand per la consistenza applicativa).

Veeam Agent for Linux è già disponibile in versione 1.0 e finalmente è possibile provare il nuovo Veeam Agent for Windows 2.0 (che quindi sostituirà Veeam Endpoint 1.5) al momento in public beta.

continue reading…

Una volta all’anno, Microsoft Corporation organizza un tour con i migliori esperti dei team di prodotto e sviluppo per condividere le loro esperienze e idee sui trend tecnologici. Durante la Microsoft Tech Summit,  in diverse tappe in città nel mondo, verranno trattati temi come sicurezza, rete, dati, storage, management, DevOps e collaboration.

In Italia l’unica tappa prevista è quella di Milano, presso il MiCo, il 20 e 21 marzo!

Considerando che la conferenza è gratuita e vi sono più di 50 sessioni è un evento da non perdere.

continue reading…

Nel post precedente ho descritto come utilizzare l’integrazione di StorMagic all’interno del vCenter per gestire il deploy e la configurazione delle VSA. Come già scritto non è l’unico modo e su larga scala forse l’uso degli scripting è la scelta migliore e più naturale. Anche perché esistono comunque molti passi da realizzare prima a livello di infrastruttura di virtualizzazione (ad esempio la configurazione delle reti virtuali) che potrebbero essere automatizzate pure loro tramite scripting.

Dove invece l’integrazione con il vCenter rende il meglio di sé è nella parte di creazione dei datastore: anche in questo caso vi sono numerosi passi sia a livello di StorMagic (definizione della coppia di VSA, inizio della replica sincrona, …) ma anche di VMware (mount e formattazione del datastore, definizione delle regole di multipath più corrette). In questo caso l’integrazione svolge tutti i compiti in automatico!

continue reading…

© 2017 © 2013 vInfrastructure Blog | Hosted by Assyrus