Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 3 minutes

DataCore Software è un software vendor indipendente, fondato il 4 febbraio 1998 in Fort Lauderdale, Florida, che si è specializzato nella virtualizzazione dello storage.

Il suo principale prodotto, SANsymphony-V (giusto di recente alla versione 9.0) forma un livello di virtualizzazione trasparente e scalabile tra gli storage fisici e i diversi host (benché si sposi bene con gli ambienti di virtualizzazione, non è limitato solo a questi). La gestione e l’accesso allo storage avverrà attraverso questo nuovo livello, indipendentemente dalle differenze a livello fisico.

In pratica, SANsymphony-V è in grado di federare diverse risorse per:

  • massimizzarne l’utilizzo
  • nascondere le diversità
  • fornire funzioni di alto livello

Per quanto descritto nel post precedente, è una forma di modello di tipo scale-out solution, seppur con qualche distinguo e limitazione (ad esempio nel numero di nodi).

L’aspetto sicuramente più rilevante è che il “DataCore cluster” è un sistema di storage ridondante e visto in modalità completamente trasparante come se fosse un unico sistema logico: quindi è in grado non solo di nascondere gli storage reali (permettendo anche di proteggere i propri investimenti), ma anche di nascondere tutto quanto riguarda i processi di failover e failback (fornendo quindi un sistema con un livello evelato di resilienza ai guasti)!

Applicazioni interessanti di questa proprietà sono:

  • Realizzazione di datacenter con un elevato livello di HA: normalmente un fault completo di uno storage array va gestito in modo esplicito (anche se alcuni storage hanno funzionalità specifiche), qua diviene implicito e trasparente agli host.
  • Migrazione di dati tra storage: benché VMware ha il suo Storage vMotion (e con Hyper-V3 vi sarà una funzione simile), qua lo spostamento dei dati tra storage può avvenire in modalità completamente trasparente; anche per host fisici e non virtualizzati!
  • Aggiungere funzioni di alto livello e/o usare storage “stupidi”: le funzioni vengono “esportate” e fornite da questo strato di virtualizzazione. A livello degli storage reali possono esistere o non esistere (o non essere state acquistate).

Altre funzioni interessanti sono il supporto multi-tier (con molti livelli diversi a disposizione, considerando che non vi sono solo i possibili dischi diversi, ma anche i diversi tipi di storage array), l’integrazione con vSphere (sia come API che come plug-in di vCenter), la replica asincrona (per architetture di DR), …

Altrettanto interessante l’aspetto di compatibilità: essendo un software pensato per girare su sistemi Windows Server qualunque scheda, storage, protocollo sia supportato da Windows diventa gestibile da questo prodotto!

Per maggiori informazioni vedere anche il blog italiano di DataCore.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2906 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Share