Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 4 minutes

Durante il recente VMworld Europe, ho avuto l’opportunità di parlare con Gregg Holzrichter, Vice President of Marketing di Atlantis Computing a riguardo dei loro prodotti per la virtualizzazione.

Atlantis Computing, che ha la sede principale in California (Mountain View) ed un ufficio anche in EMEA (London), è stata vincitrice come “Best of VMworld 2012” e “Best of Citrix Synergy 2012” per i relativi prodotti di ottimizzazione ed accelerazione degli storage in ambienti VDI.

Dal 4 settembre 2013, Ready Informatica ha stretto un accordo per distribuzione dei loro prodotti.

La tecnologia Atlantis Computing In-Memory Storage si basa su una VM dedicata in esecuzione su ogni host, pensata usare la RAM dell’host per ottimizzare le prestazioni dello storage e renderlo sia più scalabili, ma sopratttutto più predicibile e deterministico come prestazioni. La soluzione non è certamente l’unica di questo tipo, ma si caratterizza per uno specifico campo applicativo.

atlantis-productsAttualmente vi sono 3 differenti prodotti basati sulla tecnologia Atlantis Computing In-Memory Storage:

  • Atlantis ILIO Persistent VDI
  • Atlantis ILIO Diskless VDI
  • Atlantis ILIO XenApp

Come si nota per il VDI vi sono due versioni: Persistent e Diskless in base al tipo di approccio usato per la gestione dei pool dei virtual desktop e di come viene gestito lo stato dell’utente. Molte delle considerazioni già fatte in questo post (riguardo ad un altro prodotto per il VDI) sono comunque valide anche in questo caso (tenuto conto però che lo storage è comunque condiviso).

Da notare che i prodotti per il VDI sono pensati sia per Citrix XenDesktop che per VMware Horizon View.

Atlantis ILIO utilizza una combinazione di tecnologie volte ad ottimizzare la memoria usata ed a migliore le prestazioni sullo storage:

  • Content-Aware IO Optimization: uses its intelligence to differentiate between transient and stateful operations that require durable storage
  • In-line Deduplication: considering that all work is done in RAM it’s possible use this technology to optimized the used RAM
  • Wire-speed Compression: similar to the one used from VMware to optmize the memory, and again used to optimed the used RAM
  • Real-Time Write Coalescing: a way to optimize the I/O considering that each VM OS is alredy trying to optimize them (by thinking that it has the exclusive access)
  • HA/DR with Atlantis ILIO: using ILIO Snap Clone for stateless desktops or ILIO Fast Replication for persistent desktops

Attualmente Atlantis ILIO è usato anche da diversi storage vendor (che sono dei technology partners di Atlantis Computing), come Dell, EMC, Fusion-IO, HP, IBM, NetApp e Violin Memory. E’ curioso notare che possa essere impiegato sia per storage con problemi di prestazioni, ma sia anche con storage (come i Violin Memory), che per loro natura non hanno particolari problemi di prestazioni, se non nella parte di front-end che potrebbe diventare il vero collo di bottiglia.

Il vantaggio è che questi prodotti non si sostituiscono agli storage esistente, ma soprattutto sono implementati in 100% in software (dato che richiedono solo l’uso della RAM dell’host) e diventano quindi interessanti anche nei casi dove altre tecnologie di host cache non possono essere impiegate, come ad esempio nei server ad alta densità dove magari non vi è posto per dischi SSD e/o schede flash PCI.

Naturalmente la progettazione dell’host diviene più critica dato che bisogna trovare il tradeoff giusto tra la RAM da usare per l’accelerazione dello storage e quella da lasciare al resto delle VM (e in uno scenario di VDI ne serve comunque molta anche per questa parte). In realtà Atlantis Computing può fornire in fase di pre-analisi uno strumento per capire come dimensionare il tutto.

Al momento i prodotti sono più orientati per il mondo VDI, ma la tecnologia è potenzialmente interessante anche per alcuni scenari di server virtualization o di cloud provider e quindi dovremo aspettarci forse anche un nuovo prodotto per questi ambienti.

Vedere anche gli altri report del VMworld europeo 2013.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2905 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share