Questo post è disponibile anche in: Inglese

Durante il recente VMworld Europe, ho avuto l’opportunità di parlare con Gavin McLaughlin, Solution Development Director EMEA di X-IO a riguardo dei loro prodotti e la loro storia. Sì perchè in questo caso la storia è di circa 15 anni  (pur passando da diversi nomi) conferendo a questa azienda un’esperienza non banale nel settore enterprise.

Il tutto è nato nel 1999 quando Seagate (nota per lo più per i suoi dischi) decise di investire in un progetto per uno storage “zero touch”: furono investiti oltre 100 milioni di dollari in un progetto di 5 anni, che però nel 2007 fu rivenduto a Xiotech. Il 2008 è l’anno del lancio ufficiale del Intellinget Storage Element (ISE) e successivamente la compagnia ha cambiato leggermente nome.

Hyper ISE era uno dei primi hybrid storage che riuniva dischi SSD e dischi convenzionali in un singolo pool di storage, cercando l’equilibrio ideale di prezzo, prestazioni e capacità. Ogni storage array è provvisoto di due controller con 30 dischi SAS abbinati a 10 dischi SSD e può crescere secondo un un approccio scale-out che crea un singolo gruppo (con un IP virtuale in modo del tutto simile ad altri storage di tipo scale-out) che contiene diversi membri (da notare che non vi è un limite specifico sul numero di membri in un gruppo).

E è grazie all’approccio scale-out che viene adottato il moto “Fast Forever”: la crescita dei dati ha un profondo impatto sulla capacità e con essa anche una crescente domanda di elevate prestazioni a bassa latenza . Il sistema di storage Hyper ISE è stato progettato per le massime prestazioni, anche nei casi di alti livelli di utilizzo, durante il rebuild del RAID, lo spostamento dei dati, mirroring , o quando sorgono problemi dell’unità dei dischi (in accordo con la ridondanza scelta). Hyper ISE è stato architettato per minimizzare il degrado di prestazioni che si avverte da parte degli utenti e delle applicazioni durante il verificarsi di queste condizioni.

Attualmente il front-end è di tipo FC (usabile sia in modalità SAN che DAS), ma da dicembre dovrebbe essere aggiunto anche il supporto al protocollo iSCSI e in futuro si prevede anche l’introduzione del chip Mellanox per aprire le porte anche al protocollo Infiniband.

Oltre all’interfaccia web è previsto un servizio web-based RESTful chiamato Cortex che permette gestione, discovery, monitoraggio e la configurazione di tutte le risorse di storage ISE. Cortex è stato progettato in modo tale che il sistema ISE può essere facilmente controllato tramite scripting personalizzati o la funzionalità di gestione dello storage all’interno di sistemi operativi, hypervisor, database e altre applicazioni.

A tale scopo vi sono anche i XIO  certified storage software adapters and providers che permettono la gestione degli storage ISE all’interno di console di gestione specifici di altri vendor. come VMware, Citrix, Hyper-V, Storage Foundation, e gli ambienti Windows Server.

Altri interessanti aspetti di questi prodotti sono:

  • la parte di gestione è completamente software, ma si è scelto di non creare inutili duplicati di funzioni esistenti a livello superiore, quindi (ad esempio) il thin provision è demandato completamente a livello di hypervisor
  • la replica sincrona è forse una delle funzioni più interessanti, visto che supporta anche la modalità active-active, che permette, ad esempio, di realizzare soluzioni di “metro cluster”
  • esiste un particolare algorimo di ottimizzazione degli SSD che è basato sul concetto di ROI (Return Of Investment), quindi non solo orientato sui tradizionali parametri di una cache, ma considerando anche il costo e la vita degli SSD
  • tutti gli storage includono 5 anni di supporto (interessante perché implica che il ciclo di vita di questi prodotti è valutato per più di 5 anni)
  • ogni storage può inviare ogni 24 ore le statistiche (anonime) sul suo funzionamento (se non si desidera può essere disabilitata) e questo permette non solo il monitoraggio pro-attivo ma anche la creazione da parte di X-IO di metriche e baseline di funzoinamento

Infine, riguardo le differenze tra storage ibridi e flash based storage, riporto questo articolo (in inglese) scritto sempre da Gavin McLaughlin: The Risk of Adopting Flashy Trends.

Vedere anche gli altri report del VMworld europeo 2013.

This post has already been read 448 times.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2735 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share