Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 7 minutes

Durante l’ultima edizione dell’IT Press Tour (la 14ma e la prima alla quale ho avuto l’onore di partecipare), svoltasi nella Silicon Valley (nel periodo dal primo a 5 dicembre 2014), abbiamo avuto l’occasione di incontrare molte aziende in differenti aree (Cloud, Storage e Big Data).

La seconda azienda che abbiamo incontrato durante il primo giorno del tour è stata Cloudian, una startup specializzata in hybrid cloud storage.
ITPressTour-Logo
Paul Turner (Cloudian CMO),  John Ash (VP Sales) and Gary Ogasawara (VP Engr) hanno raccontato le origini dell’azienda e il tipo di prodotto che propongono.

Cloudian, Inc. (inizialmente nota come Gemini Mobile Technologies) è un’azienda con sede a a Foster City, California, specializzata in cloud storage. Il suo prodotto principale è un cloud object storage compatibile con le API di Amazon S3 (probabilmente le più usate e note in ambito cloud storage). Cloudian ha diverse partnership in ambito cloud, come ad esempio con Citrix Cloud Platform e OpenStack.

La loro soluzione HyperStore è quindi un content storage molto scalabile che parla nativamente con un’interfaccia S3, senza bisogno di gatewat, e può poi parlare con altri storage sempre con l’interfaccia S3. La soluzione è disponibile sia come appliance fisico, sia come versione software (adatto ad esempio per essere implementato in virtuale), della quale esiste anche una community edition (adatta per le fasi valutazione, per testare il prodotto o per realizzare singoli sistemi fino ad un massimo di 10TB).

Cloudian permette la realizzazione di storage di tipo hybrid cloud, utilizzando un servizio di public cloud storage (Amazon S3 o qualunque altra soluzione compatible S3) come un ulteriore tier, con i seguenti vantaggi:

  • Bucket Lifecycle policies to migrate to Amazon S3 or Glacier, or other Cloudian HyperStore Clouds or other S3 compatible service providers
  • Global namespace with Metadata kept on premises for all objects
  • Archiving option to move metadata and data to the Public Cloud

Cloudian-Hybrid

La stora del loro prodotto è sicuramente interessante, dato che parte dal “lontano” 2011 e ha, via via, aggiunto funzionalità fino alla versione di oggi:

Cloudian-HistoryHyperStore 5.0 è diventato un prodotto maturo (disponibile anche in versione solo software) molto scalabile, completamente RAID-free, con funzionalità enterprise di monitoring e alerting, funzioni di protezione dei dati con server side encryption e ottimizzazione dello spazio con compressione.

Con l’ultima versione si è visto anche un supporto (nella parte di front-end) al protocollo NFS (e in futuro si potrebbe vedere anche il supporto a SMB3).

Avere il supporto più protocolli è sicuramente importante per poter sfruttare questa soluzione con tutte le applicazioni presenti, altrimenti vi è la necessità di usare applicazioni che supportino S3 in modalità nativa o sfruttare opportuni gateway o riscrivere le applicazioni. In realtà ad oggi molte applicazioni enterprise (Cloudian dichiara più di 400) sono già compatibili con le API di S3.

Nel caso d’uso specifico dei backup (questo tipo di storage trova in questa casistica uno dei suoi migliori user case) al momento i software in grado di scrivere nativamente in S3 sono CommVault  e Veeam Cloud Edition (prodotto che però al momento non c’è in versione v8 e potrebbe anche non esserci, visto l’introduzione del Cloud Connect); in futuro dovrebbe aggiungersi anche la soluzione di Symantec.

L’uso delle API di S3 potrebbe far storcere il naso sul grado di compatibilità e sul ciclo di vita delle stesse: sul primo punto Cloudian dichiara la massima compatibilità (sul loro sito si possono trovare maggiori dettagli), per il secondo punto (dato che le API possono cambiare con il tempo) c’è tutto un meccanismo di estensione ed incapsulamento delle API per garantirne la massima compatibilità e coerenza anche nel corso del tempo.

Per quanto riguarda gli appliance HSA (HyperStore appliance) fisici esistono tre diverse fasce di modelli:

  • HyperStore appliance 1024 per soluzioni entry-level:
    il modello HSA1024 da 1U fornisce 24TB di capacità ed è pensato per workload a basso carico and entry-level S3-compatible private cloud storage. Può fornire uno storage ad un costo di circa 1.25c/GB/Month.
  • HyperStore appliance 1048 per necessità di alta capacità e archiviazione:
    il modello HSA1048, sempre da 1U, fornisce 48TB unità per arrivare fino a petabyte di storage in un rack standard. Può fornire uno storage ad un costo di circa 0.85c/GB/Month.
  • HyperStore appliance 2060 per necessità di prestazioni enterprise:
    il modello HSA2060 è flash-optimized e pensato per alte prestazioni. In 2U vi sono 60TB di capacità. Può fornire uno storage ad un costo di circa 1.03c/GB/Month.

Cloudian è in grado di scalare secondo un modello (tipico degli object storage) di tipo scale-out con però una topologia molto particolare (anche questa comune con alcune soluzioni di tipo object storage): si basa sui concetti di “ring” e “vNode”.

Possono esistere due diverse topologie:

  • Multi Data Center, Single Ring dove le replice possono avvenire tra datacenter, oppure
  • Multi Region, Multi Ring dove le repliche rimangono all’interno di un datacenter

Ovviamente sono possibili piu nodi, ciascuno però con più vNode per poter muovere per singolo “disco” piuttosto che muovere tutto. Ogni vNode è un “oggetto” interno (simile ad una VM, ma non proprio una VM).

Come scritto è completamente RAID-free dato che gestisce la ridondanza dei dati (o meglio dei singoli oggetti) direttamente a livello software, garantendo quindi maggiore efficienza, tempi di “rebuild” molto più rapidi in caso di fallimento di un singolo disco e comunque più veloci anche nel caso del fallimento di un intero nodo. Permette anche la presenza di sistemi eterogenei all’interno di un cluster.

Il target per questo tipo di prodotti sono le enterprise di fascia media alta, tipicamente quelle con neccesità di spazio, ad esempio in ambito media enteritenament, financial, oil market. Ma anche service providers. Al momento hanno più di 45 clienti nella versione a pagamento e più di 400 nella community edition.

I casi d’uso pià comuni sono:

  • Backup
  • Collaboration & remote office
  • OpenStack
  • Archiving (media, ad esempio)

L’appliance ha differenti costi e prevede sia un modello di tipo subscription (mensile, come riportato nei numeri di esempio precedenti), sia di tipo perpetual.

Per maggiori informazioni vedere anche questi post:

Disclaimer: Sono stato invitato a questo evento da Condor Consulting Group che ha coperto i costi per il viaggio e l’alloggio. Ma non sono stato ricompensato in alcun modo per il mio tempo e non sono in obbligo di scrivere articoli riguardo all’evento stesso e/o gli sponsor. In ogni caso, i contenuti di questi articoli non sono stati concordati, rivisti o approvati dalle aziende menzionate o da altri al di fuori del sottoscritto.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2908 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share