Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 3 minutes

Il nuovo livello di certificazione Microsoft, il Microsoft Technology Associate (MTA), descritto in un post precedente, è un nuovo livello entry level nelle certificazioni Microsoft.

Il livello è composto da una serie di percorsi formativi che convalidano conoscenze tecnologiche e competenze fondamentali per studenti, professionisti e più in genere tutti coloro che siano interessati a possedere capacità nel campo dell’IT sempre attuali e competitive.

MTA prevede diverse tracce in diversi ambiti: Microsoft Server, Desktop, Database, Developer. Sono pensate per aiutare (benché non siano obbligatorie) per la preparazione ad altri livelli, come ad esempio MCSA o MCSD:

Microsoft-Cert-Paths

Per maggiori informazioni, vedere i Study Groups, dove si possono trovare informazioni (in inglese) per gli obiettivi degli esami MTA, guide per lo studente e materiale vario.

Ho avuto l’occasione di ottenere un voucher per un esame MTA e quindi, alcuni mesi fa (per la precisione il 31 gennaio 2013), ho sostenuto l’esame Exam 98-365: Windows Server Administration Fundamentals.

Ho trovato l’esame molto semplice e facile (in realtà avevo pianificato anche un esame per l’MCSA 2012 e ho colto l’occasione per pianificare subito dopo anche questo, e minimizzare i costi e tempi di trasferta). L’esame è molto elementare, con domande semplici (tutte a risposta chiusa) e su concetti basilari, tanto più che l’ho passato agevolmente (senza aver studiato nulla di preciso per questo esame).

Le domande sono estremamente sintentiche e (solitamente) di facile interpretazione, tanto che l’esame è facilmente sostenibile in meno di 30 minuti. Rispetto alle altre certificazioni Microsoft il livello di difficoltà è volutamente più basso.

Purtroppo ho commesso la leggerezza di sostenerlo in italiano (visto che c’era anche quella versione)… Pessima scelta visto che pure i terminici tecnici sono stati tradotti (e in modo grossolano)… Alla fine ho impiegato più tempo a cercare di capire il senso delle domande (o delle risposte).

Riguardo all’esame e alla relativa certificazione, ritengo che combacino con le premesse e gli obiettivi di questo livello. Sono un buon punto di ingresso alle certificazioni Microsoft (un vero “Associated” level). Però ho dei dubbi sull’utilità di tale livello, o meglio su quanto potrebbe durare. Considerando che non è obbligatorio (per ora) e che comunque costa, perché mai bisognerebbe perdere tempo in questo livello piuttosto che focalizzarsi direttamente su quelli successivi?

Vero che il costo è minore di quello degli esami “MCP” dei livelli successi, però non è neppure trascurabile. Magari se fosse incluso un voucher in ogni MOC o in alcuni corsi della famiglia “Clinic” allora potrebbe diffondersi maggiormente.

Inoltre è decisamente (e comprensibilmente) polarizzato sulle tecnologie Microsoft (o almeno lo era il mio esame, ma del resto, dato il nome …). Forse era meglio pensare ad esami più generici o meglio ancora compatibili o interscambiabili con altri di natura indipendente (come ad esempio le certificazioni CompTIA).

Infine, mi viene da proporre una provocazione… Perché non spingere maggiormente la MVA (Microsoft Virtual Academy) ed usare quella come primo livello di “certificazione”, al posto del MTA? Vero che l’MTA è una certificazione formale, ottenuta in un centro Prometric, ma stiamo pur sempre parlando di una certificazione entry level… non si può pensare che una certificazione “formale” abbia intrinsecamente più valore di una ottenuta online (se gestita con metodo).

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2903 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share