Questo post è disponibile anche in: Inglese

Alla fine i rumors di questi mesi si sono rivelati fondati: Dell venderà la divisione Dell Software a Francisco Partners e Elliott Management Corporation, due nomi poco conosciuti in Italia, ma abbastanza influenti nella California. Questo annuncio è arrivato pochi mesi dopo l’altro annuncio relativo ad un’altra vendita: Dell ha rivenduto Perot Systems (acquistata qualche anno fa) a NTT Data (sottocosto visto che ha perso $800 million). Chiaramente entrambe le mosse servono a far cassa per permettere l’acquisto di EMC.

Mosse in fondo abbastanza scontate e dettate da logica: Perot non si è mai integrata veramente con i servizi Dell, almeno non in Italia (e i servizi Dell comunque continueranno ad esserci), mentre invece Dell Software era cresciuta come divisione indipendente fin da subito, probabilmente già con l’idea di separarla in caso di necessità.

Dell Software però si porta con sé molti marchi, alcuni destinati (probabilmente) ad un fine inesorabile (o a successiva rivendita), come potrebbe essere KACE (che non ha avuto un grande movimento negli ultimi anni, nonostante l’idea molto interessante). Ma vi sono anche marchi storici e ben più importanti (anche solo in termine di dimensioni): come ad esempio SonicWALL e Quest. Potrebbero entrambi tornare con il loro nome, ma non è detto.

Proprio in questi giorni sono all’evento EMEA PEAK 16, l’evento internazionale sulla sicurezza organizzato da Dell Security, dove la notizia è stata data ufficialmente all’apertura dell’evento (come già detto, in modo non ufficiale, circolava già da vari mesi ed era comunque una mossa prevedibile).

Il messaggio che arriva da questo evento è che i prossimi mesi nulla cambierà e che sicuramente il marchio SonicWALL avrà una parte predominante nella nuova società (della quale ancora non si sa il nome, ma difficilmente rimarrà Dell Software).

Citando uno dei commenti nelle varie press release si evince che:

Dell Software’s comprehensive portfolio of solutions span a number of areas critical to the modern business and IT management landscape, including advanced analytics, database management, data protection, endpoint systems management, identity and access management, Microsoft platform management, network security, and performance monitoring. With Dell Software solutions, organizations of all sizes can better secure, manage, monitor, protect, and analyze information and infrastructure in order to help fuel innovation and drive their businesses forward.

La nuova socierà avrà quindi un grande fucus sulla sicurezza (e in fondo sembra confermato anche dal PEAK), però Dell Software è molto di più di Dell Security… che succederà al resto?

Alcune parti di Quest, come l’identity management, sono oramai diventate parti integranti della strategia SonicWALL (che vuole essere uno dei pochi vendor, se non l’unico, con policy completamente orientati all’identity delle persone). Altre parti, come tutta quella relativa alla data protection, personalmente non le vedo in linea con le aspettative di questa acquisizione e quindi sono (secondo me) a forte rischio di vendita o declino (si pensi quanto successo a vWorkspace).

Certo che serviranno molti e molti sviluppatori per implementare la vision annunciata di SonicWALL e qui buona parte della forza lavoro di Quest potrebbe tornare utile e strategica.

L’annunciato passaggio di SonicOS alla piattaforma Linux è molto interessante, ma richiederà grandi sforzi per il porting. Ma è il passo necessario per andare verso comodity hardware e soprattutto verso una vision più software defined (con la disponibilità finalmente di un virtual appliance) e cloud centric (con la possibilità di avere firewall SonicWALL anche su AWS, Azure o altri public cloud).

Cloud centric sarà anche la vision sulla gestione e reporting che diventeranno servizi erogati da un public cloud di questa nuova azienda: per il reporting è forse la soluzione più logica (almeno per fornire capacità di analytics migliori), per il management, in fondo, si segue il trend di aziende come Meraki che sono state precursori in questo approccio.

Qualunque sarà il nome della nuova azienda, Dell ha annunciato che continuerà a vedere e supportare i prodotti “Dell Software”, ma nulla esclude che, passata l’acquisizione di EMC, Dell non possa reinvestire in un altro produttore di firewall per ricrearsi il suo brand.

This post has already been read 192 times.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2742 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share