Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 3 minutes

Con la nuova versione di Microsoft System Center Virtual Machine Manager (VMM) 2012, il gap con VMware vSphere vCenter Server 5.0 relativo alle funzionalità è stato parzialmente colmato.

Ma bisogna comunque rimarcare come il posizionamento e la comparazione tra questi due prodotti non sia semplice ed immediato, visto che hanno licenze diverse, feature che dipendono dalle edizioni (nel caso di vSphere), prezzi che variano e diverso tipo di integrazione con gli altri prodotti.

Da notare inoltre che alcune funzionalità dell’ambiente di virtualizzazione Microsoft sono fornitre direttamente a livello di Hyper-V o al livello di FailOver Cluster (quindi sono incluse anche nella versione gratuita Hyper-V Server) e non dipendono dalla presenza o meno di VMM. Inolre alcune funzioni cambieranno con il nuovo Windows Server 2012 e Hyper-V3 (per maggiori informazioni vedere il post: Hyper-V 3.0 vs vSphere 5.0).

Un altro aspetto da considerare è che VMM, in parte, copre anche alcune funzioni di VMware vCloud Director, come ad esempio il Self Provisioning o i concetti di Cloud  privato (simili a quelli di virtual datacenter di vCloud).

Questa è una lista (parziale) di alcune funzionalità:

Feature vCenter Server 5.0 System Center VMM 2012
Multi Hypervisor No (limited with XVP Manager) Yes (but cannot manage a ESXi directly)
Multi Users Yes (role based) Yes
Multi Tenant Partially (complete with vCloud Director) Yes
Processor Compatibility EVC (Limited) Feature of Hyper-V
VM host hot-migration vMotion Live Migration (also without VMM)
VM storage hot-migration Storage vMotion Yes (but only with Hyper-V3)
VM replication Yes with SRM5 or other products Yes with Hyper-V3 or other products
Storage classification Storage Profile Yes (but only for supported storage)
Storage Load balancing
(space and/or I/O)
SDRS Not included
(but could be implemented)
VM Load balancing DRS Yes (also without SCOM)
Host affinity rules DRS rules Failover Cluster rules
Power Management DPM (Limited) Feature
Resource Management
(CPU/RAM)
Resouce Pools (need DRS license) Yes (at VM level)
Resource Management
(Storage)
SIOC No
Resource Management
(Networking)
NIOC Only traffic shaping
Load balancer integration Only vShield family Supported LB
Storage array integration Yes (for example see Dell products) Yes (for example see Dell products)

In sostanza ritengo che VMware vCenter rimane, rispetto a VMM, ancora più semplice (ad esempio nella gestione del DRS e EVC) e completo (a parte in alcuni casi dove richiede prodotti aggiuntivi). C’è anche da considerare che è comunque multipiattaforma: per il client esiste il WebClient e per il server la vCSA.

Inoltre l’integrazione con i sistemi guest è ancora (secondo me) limitata in VMM, ad esempio non è possibile vedere il vero nome macchina o l’indirizzo IP del guest OS (è questo è possibile in VMware ESXi semplicemente con l’uso delle VMware Tools). Alcune idee in VMM rimangono comunque valide, come l’integrazione di RDP con le macchine virtuali… peccato richieda una nomenclatura rigorosa e mappara nel DNS server.

Dove, a mio parare, VMM è davvero avanti è nell’uso che viene fatto di PowerShell (come resto in tutti i prodotti Microsoft recenti): ad ogni operazioni è possibile vedere il comando PowerShell relativo e questo è veramente utile per un training by example.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2849 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share