Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 3 minutes

Avevo già parlato di Cloud Credibility (un “gioco” on-line realizzato da VMware e descritto il questa pagina) in un post precedente.

L’idea è di creare una “cloud expertise” o meglio un percorso di crescita per raggiungerla, utilizzando un meccanismo di punteggio (Cloud Cred score) e di premi. Per quanto il principio possa essere sensato vi sono alcuni dubbi sulla effettiva utilità.

Ma prima vediamo almeno gli aspetti positivi… Sicuramente è un modo per cercare di approfondire qualche argomento, scoprire qualche risorsa utile, … insomma… potenzialmente (tolta la “pressione” dei premi) ha qualche finalità didattica e di crescita.

Ma soprattutto è un potente strumento sociale, magari non alla portata dei social network esistenti (con i quali comunque si integra in molti task) ma comunque interessante. La possibilità di creare team, benché con i limiti sul numero di persone (e pure il limite di poter appartenere solo ad un team) è valida e permette anche di conoscere nuove persone o per associare un nome (o un tweet handle) ad una faccia. Questa ad esempio è una foto di alcuni membri del team VMUG.IT, in occasione della User Conference:

CloudCred Team

Da sinistra a destra: Giuseppe Guglielmetti, Alessandro Lombardi, Andrea Mauro, Lino Telera e Francesco Bonetti.

Per quanto riguarda invece i dubbi, sono principalmente legati al tipo di attività (o meglio di abilità) richieste in alcuni task, in molti casi più da narcisisti (perché mai devo avere una mia foto per dimostrare di aver avuto uno speach?) o da provetti esperti di screenshoot.

Anche i punteggi a volte sembrano un po’ casuali e quello che preoccupa è lo scarso controllo (ci sono task che non sono ancora completabili, eppure c’è chi li ha completati). In più c’è l’uso secondo me improprio del badge vExpert che crea confusione con il programma vExpert stesso.

Tra l’altro non è neppure chiarissimo come siano selezionati ed assegnati i vari premi: a parte il viaggio al VMworld EU 2013 per il primo classificato, gli altri sembra siano selezionati a caso tra i partecipanti che abbiano raggiunto un certo punteggio o un certo badge. Al momento però non mi devo lamentare visto che ho ricevuto un VMware Twitter Mention, un VMworld Online Subscription (che ho dato ad un mio collega, visto che io già avevo accesso ai contenuti) e un Hanes Nano Tee (immagino, non avendola ancora ricevuta che sia la T-shirt  assegnata ai 1000 punti). Mi lascia perplesso che tra i premi vi sia anche un VMworld Speaker Session Slot (ma come… selezionano e falciano le proposte e poi lasciano uno slot ad uno qualunque?) e il vExpert Invite (cosa si intenda non ne ho idea). Mentre invece vedo molto interessanti ed allettante i VCP free exam voucher, VMUG Advantage subscription, ma soprattutto il VMworld Pass (che dovrebbe essere aggiuntivo rispetto a quello per il primo).

Senza contate la durata, secondo me, spropositata del gioco (fino a luglio?!) che potenzialmente toglie tempo alle persone (che ad esempio potrebbe essere speso nella community VMware o in altre o semplicemente per focalizzarsi su maggiori contenuti nei propri blog).

Comunque se volete seguire i miei progessi (notare anche ci sono ancora posti liberi nel nostro team):

Altre opinioni (in inglese) su CloudCred:

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2837 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Share