Questo post è disponibile anche in: Inglese

Dell ha da poco annunciato la nuova generazione (la tredicesima) dei propri server PowerEdge: la prima ondata (prevista ancora per il 2014)) di nuovi server riguarderà solo alcuni modelli Dell PowerEdge, ma successivamente vi saranno altre ondate di rilasci dei altri prodotti. Si inizia con i modelli più diffusi (o almeno più utilizzati nelle medie-grandi imprese):

  • Per i sistemi rack: R730xd, R730 e R630
  • Per i sistemi modulari (per il PowerEdge M1000e): M630 blade server
  • Per i sistemi tower: T630

Tutti i nuovi server saranno equipaggiati con la nuova famiglia di processori Intel Xeon E5-2600v3.

PowerEdge Next Gen Server Family
Da notare che le soluzioni Dell PowerEdge spaziano tra diversi form factor (ve ne sono ben 5 o 6 considerando anche i piccoli server “baby” tower), in questo caso quelli che saranno considerati dalla prima ondata di nuovi prodotti riguarda i sistemi blade, rack e tower, con almeno un nuovo prodotto per categoria.

Il nome dei server aiuta anche ad indentificarne le caratteristiche; nel caso di Dell ogni server PowerEdge è identificato da alcuni caratteri:

  • Il primo carattere è una lettera che ne determina il form factor: T per Tower, R per rack e M per modular (lame per sistemi blade)… altri form factor usano un’altra notazione.
  • Il secondo carattere è un numero che determina la potenza e/o la scalabilità del server, più è alto e meglio è (indirettamente ne termina anche l’ingombro ma con logiche non lineari in base a questo numero).
  • Il terzo carattere è un numero che identifica la generazione: per la 13ma il numero è 3 (questa nuova nomenclatura è stata introdotta con la generazione 10).
  • Il quarto carattere identifica la famiglia di processori: 0 per gli Intel Xeon e 5 per gli AMD.

Vi possono poi essere ulteriori caratteri che ne derminano caratteristiche speciali: ad esempio nel caso del modello R730xd (o del precedente R720xd) si indentifica un server con un numero molto grande di dischi (nella generazione 11 in realtà era solo una variante di configurazione dei dischi solo del R510).

Gli altri form factor per i server (anche se poi non sono solo server, ma includono pure componenti di storage) sono la serie Dell PowerEdge e il Dell VRTX (benché utilizzi delle lame server di tipo Mxxx, queste devono essere adattate per il VRTX, di conseguenza bisognerà aspettare una versione specifica del M630).

Da notare pure che in questi annunci non si vede ancora un sistema di tipo VMware EVO:Rail (Dell è comunque uno dei partner annunciati al VMworld per questo tipo di piattaforma). Considerando però i requisiti un sistema EVO:Rail è più plausibile che si utilizzerà la famiglia PowerEdge-C piuttosto che quella “tradizionale”.

Nei nuovi server non vi sono novità solo riguardo a processori Intel Xeon recenti, ma molto anche riguardo lo storage e la gestione.

Partendo dallo storage, si nota una massiccia adozione dei dischi da 1.8″ SATA flash (in realtà il form factor da 1.8″ per i dischi non è nuovo, visto che era già comparso nelle lame M420) che permetterà maggiore densità e flessibilità di configurazione: ad esempio un Dell PowerEdge R630 portà fornire 2.4 volte gli IOPS rispetto al modello precedente (e quindi a parità di spazio occupato).

Tra l’altro nei modelli R730 questi nuovi dischi forniranno molta flessibilità nel tipo di configurazione implementando anche soluzioni “ibride” con molti dischi flash e rotativi. Il top dell’espandibilità di dischi ovviamente sarà nel modello R730xd, che, ad esempio, può arrivare a fornire fino a 100TB di storage.

PowerEdge R730XD Dell PowerEdge R730 rack server configured with 2.5-inch drives.

Ma le novità dello storage non si fermano qua, vi sono anche da considerare:

  • Funzioni di accelerazione tramite NVMe Express Flash storage e la Dell Fluid Cache for SAN o Dell Fluid Cache for DAS (da notare che in realtà già le schede PERC attuali hanno funzioni di accelerazione, ma in questo caso di parla di soluzioni specifiche e/o di integrazione con lo storage)
  • Prestazioni RAID raddopiate con i nuovi controller PERC9 doppi.
  • Possibilità di implementare soluzioni di storage ibride o soluzioni hyper-converged (come Nutanix o EVO:Rail).

Vi è poi la possibilità (come in realtà già avviene oggi) di espansione dello storage di un server, sempre in modalità DAS (storage direttamente collegato tramite canali SAS) con nuovi prodotti della serie PowerVault: MD1400 e MD1420.

La presenza del controller RAID di tipo PERC9 è sicuramente interessante: già oggi il modello PERC8 usato sui VRTX implementa particolari funzioni, quali la condivisione dei dischi tra più server e, soprattutto, l’alta disponibilità tramite una soluzione di doppio controller ridondato. Sarà interessante vedere quali di queste funzioni saranno presenti nel server G13 (la seconda potrebbe rivelarsi interessante).

Sul lato gestione e gestibilità dei sistemi ovviamente le novità partono da OpenManage (la suite di gestione centralizzata di Dell) sia nella versione Essential (OME) sia nella nuova versione OpenManage Mobile (annunciata nell’ultima edizione del Dell Enterprise Forum). Ma le novità maggiori riguardano la scheda di gestion OoB (Out of Band) chiamata iDRAC, che introduce molte nuove funzionalità per i server PowerEdge G13:

  • iDRAC QuickSync: utilizzando la tecnologia Near Field Communication (NFC) è possibile collegare dispositivi mobili per, ad esempio, accedere direttamente alla configurazione del server.
  • iDRAC Direct: permette di aggiornare i firmware o la configurazione direttamente da una chiave USB (in realtà già prima era possibile aggiornare i firmware via USB, ma era una procedura non proprio semplicissima).
  • iDRAC Automatic Configuration: tramite un repository centralizzato è possibile gestire la configurazione di tutti i server tramite semplici file XML.
  • Automatic updates: tramite un repository centralizzato è possibile aggiornare tutti i firmware (un po’ come oggi già avviene nei sistemi blade M1000e o nei VRTX tramite la CMC).

Per maggiori informazioni (in inglese) vedere anche:

This post has already been read 2139 times.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2719 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Share