Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 4 minutes

Durante la prima edizione europea dei Tech Field Day (in particolare i Tech Field Day extra alVMworld di Barcellona) una delle aziende che ho rivisto (dopo il Virtualization Field Day 3) è stata VMTurbo, una società ben nota nel grande ecosistema di virtualizzazione.

Il team originale fu fondato VMTurbo nel 2009 (in realtà la società inizialmente si chiamava SMARTS, ma era poi stata subito acquisita da EMC), rendendosi conto che la rapida crescita della virtualizzazione nei datacenter stava ridefinendo i criteri di gestione per le aziende (di qualunque dimensione). La piattaforma VMTurbo lanciata nell’agosto 2010 è stata utilizzata da più di 10.000 utenti in tutto il mondo.

A rappresentare l’azienda vi erano Shmuel Kliger (presidente e fondatore, VMTurbo) e Alec Kemp (Director of Systems Engineering, VMTurbo).


Durante queste sessioni (per lo più gestite dal Presidente di VMTurbo Shmuel Kliger) abbiamo visto soprattutto l’approccio implementato dal prodotto di VMTurbo e come può garantire che le applicazioni ottengano le risorse necessarie per funzionare in modo affidabile, ma anche efficiente (e rendendo efficienti anche altre risorse non tecniche come ad esempio quelle umane).

In questo video, il fondatore di VMTurbo, Shmuel Kliger, spiega le problemiche comuni dei datacenter (virtualizzati). In realtà, per chi come me era già stato #VFD3, o almeno aveva già visto la sua presentazione, molti concetti sono gli stessi e almeno nella prima parte sono anche illustrati allo stesso modo. Considerando anche che i tempi del Tech Field Day extra non sono gli stessi di un completo evento Tech Field Day, l’intera sessione risulta forse un po’ troppo prolissa, sacrificando la seconda parte di demo che era molto interessante.

In questa sessione vi sono comunque molti concetti interessanti a partire dalla definizione di “stato desiderato” (lo stato desiderato dipende dal tipo di applicazione/servizio ed è una intersezione di N sfere in un spazio N dimensionale) fino ad arrivare all’approccio ed alle tecniche per misurare lo stato corrente e portarlo allo stato desiderato: arrivare allo stato desiderato (desired state) richiede tempo, ma può richiede molto più tempo rimediare uno stato non consistente!

Lo stato desiderato normalmente non è uno stato statico e immutabile, ma continua a cambiare: per queso motivo non è possibile ottenerlo con approcci tradizionali o manuali, ma solo con un sistema automatico.

Uno degli aspetti più interessanti è l’approccio alla soluzione: l’intero ambiente IT viene visto come una “catena di distrubuzione” e viene adottato un concetto di marketplace di acquirenti e venditori:

VMTurbo-Marketplace

Anche le azioni vengono “prezzate”, dato che vi possono essere azioni “costose” in termini di tempo o costose in termini di fermo (ad esempio un’operazione di VM resize andrebbe pianificata in in periodi di fermo).

Dal disegno precedente si può notare come oltre alle VM sono supportati pure i container (visto è un po’ il periodo in qui vanno di moda). Ma ovviamente in entrambi i casi quello che viene misurato è come l’applicazione sta funzionando.

Vi sono anche concetti di POD come gruppi di differenti tipi di risorse, in modo da poter poi definire il tipo di flusso:

  • Level 0: intra-host
  • Level 1: intra-DPod
  • Level 2: cross-Dpod
  • Level 3: cross-cloud

Tutti i dati sono raccolti il modalità strettamente agentless e lo stesso deploy dello strumento è relativamente semplice (si tratta di fare il deploy di una macchina).

Nella seconda parte Alec Kemp, Director of Systems Engineering ha presentato una demo del prodotto per mostrare in pratica alcuni concetti:

Vedere anche:

Disclaimer: Sono stato invitato a questo meeting da GestaltIT. Ma non sono stato ricompensato in alcun modo per il mio tempo e non sono in obbligo di scrivere articoli riguardo all’evento stesso e/o gli sponsor. In ogni caso, i contenuti di questi articoli non sono stati concordati, rivisti o approvati dalle aziende menzionate o da altri al di fuori del sottoscritto.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2908 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Related Post:

Share