Questo post è disponibile anche in: Inglese

Reading Time: 5 minutes

Sono calate le luci dell’edizione americana del VMworld US 2018 ed è il momento di trarre le dovute conclusioni. Cercherò di riassumere alcune delle più importanti novità (un po’ come ho fatto con l’edizione dell’anno scorso).

Prima novità, che in realtà è l’ultima in ordine cronologico, è che dall’anno prossimo l’evento americano torna a San Francisco. Magari non è la novità più importante, ma io personalmente preferisco quella location (non posso neppure dire location storica, visto che le prime edizioni sono state in altre città) a Las Vegas. Comunque si torna vicino alla Silicon Valley e alla sede di VMware.

Ma cos’altro è successo al VMworld US 2018?

Per chi non era presente o per chi non le ha viste in streming, si possono comunque rivedere le due general session. Come al solito cercano di strizzare l’occhio sia ai manager e C-Level, che alla parte più prettamente tecnica. Al volte questo bilanciamento non è sempre riuscito e forse (almeno secondo me) la sessione del primo giorno risulta essere un po’ troppo un’americanata, nonostrante questo pare sia stata la sessione che ha registrato una delle maggiori affluenze degli ultimi VMworld.

Monday General Session: Technology Superpowers

VMware CEO Pat Gelsinger, VMware CTO Ray O’Farrell, and their featured guests share how to push past the boundaries of what’s possible.

Tuesday General Session: Pioneers of the Possible

Sanjay Poonen, COO, VMware Customer Operations, finds out firsthand how several customers bravely took the digital transformation path and prepared their organizations for the future.

Alcuni degli annunci li ho già commentati in blog dedicati:

Certo annunciare un prodotto e discutere di quanto sia bello, quando ancora non è comunque disponibile è qualcosa che personalmente trovo irritante, anche perché poi a volte capita che dalla teoria alla pratica alcune cose cambiano quando arrivano in Ga.

Ma gli annunci legati alla parte cloud sono stati veramente tanti e bisogna citare almeno:

Come pure l’annuncio da parte di VMware di voler acquisire CloudHealth Technologies, a Global Platform for Multi-Cloud Operations.

Ma uno dei motivi per andare a questi eventi è anche avere una finestra sul futuro e VMware ha fornito una anteprima di alcune tecnologie innovative di domani, come ad esempio:

  • RDS on VMware: VMware and AWS demonstrated how Amazon Web Service’s RDS service will run on VMware in a private data center, thus offering developers a familiar RDS Functionality available on VMware in a private data center or at the Edge.
  • Project Dimension: A VMware technology preview that will extend VMware Cloud to the data center, branch offices and the edge. Project Dimension will combine VMware Cloud Foundation, in a hyperconverged form factor, with VMware Cloud managed service to deliver an SDDC infrastructure as an end-to-end service, operated by VMware. Project Dimension will dramatically simplify operational complexity and cost and offers built-in security and isolation, allowing customers to focus on innovating and differentiating their businesses.
  • Project Magna: Project Magna will make possible a self-driving data center based on machine learning. It is focused on applying reinforcement learning to a data center environment to drive greater performance and efficiencies. The demonstration illustrated how Project Magna can learn and understand application behavior to the point that it can model, test, and then reconfigure the network to a make it more optimal to improve performance. Project Magna relies on artificial intelligence algorithms to help connect the dots across huge data sets and gain deep insights across applications and the stack from application code, to software to hardware infrastructure, to public cloud and the edge.
  • Project Concord: VMware demonstrated a highly scalable, energy-efficient decentralized trust infrastructure for digital consensus and smart contract execution. Project Concord may be used to power distributed trust infrastructures, including blockchains. As a leader in enterprise-grade distributed management and security products, VMware is poised to help enterprises harness blockchain technology in a dramatically efficient manner to advance their business goals. Project Concord is available immediately as an open source project.
  • Virtualization on 64-bit ARM: VMware demonstrated ESXi on 64-bit ARM running on a windmill farm at the Edge. Interesting case, that I discussed in a dedicated blog post.

A volte queste preview finiscono nel nulla, a volte cambiano aspetto (si pensi al vCenter per Linux) a volte si trasformano (ESXi per ARM in fondo non è altro che un modo per riprendere una soluzione di virtualizzazione pensata per il mobile), ma a volte diventano veri e propri prodotti largamenti utilizzati o che risolvono specifici problemi.

Possiamo quindi considerare il VMworld un evento imperdibile? Molti lo considerano un evento “vecchio” legato alla virtualizzazione. Ma dipende dai punti di vista e dal proprio ruolo… Anche se si fa un gran parlare di nuove tecnologie e dello stato dell’arte dei servizi cloud, la realtà è che l’infrastruttura continua ad esserci e la parte legacy difficilmente sparirà a breve (abbiamo ancora gli AS/400 presenti in molte aziende, figuriamoci quanto può sopravvere la virtualizzazione).

Forse anche per questo motivo il VMworld rimane un importante evento con tanti partecipanti. Certo ve ne sono anche ad altri eventi, ma è giusto così.

Sta ancora guidando il futuro e l’innovazione dellìIT? Forse sì, ma solo in parte… per anni VMware è stata leader incontrastata, ora su alcuni aspetti è un follower. Ma non importa… è comunque una delle aziende che rende possibile l’innovazione nell’IT.

E al VMworld 2018 c’è stata un’importante celebrazione: i 20 anni di VMware!

Anche quest’anno non ero presente all’evento americano, ma sarò comunque presente all’evento europeo a Barcellona.

Visto che quest’anno i due eventi sono separati da un po’ di mesi vedremo se ci saranno nuovi annunci o altre novità.

Andrea MauroAbout Andrea Mauro (2849 Posts)

Virtualization, Cloud and Storage Architect. Tech Field delegate. VMUG IT Co-Founder and board member. VMware VMTN Moderator and vExpert 2010-18. Dell TechCenter Rockstar 2014-15. Microsoft MVP 2014-16. Veeam Vanguard 2015-18. Nutanix NTC 2014-18. PernixPro 2014-16. Several certifications including: VCDX-DCV, VCP-DCV/DT/Cloud, VCAP-DCA/DCD/CIA/CID/DTA/DTD, MCSA, MCSE, MCITP, CCA, NPP.


Share